8 dicembre 2019
Aggiornato 04:30
Trieste

Riunione Coni, Fedriga: "Orgogliosi di ospitare il presidente Malagò"

"Un concreto riconoscimento (la presenza del presidente Coni) alla vivacità espressa dal movimento sportivo regionale in termini di risultati e soprattutto di partecipazione. Una percentuale regionale di tesseramenti e società sportive ai vertici del Paese", commenta il governatore Fedriga
Il presidente nazionale del Coni, Giovanni Malagò, il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza e il governatore della Regione FVG Massimiliano Fedriga
Il presidente nazionale del Coni, Giovanni Malagò, il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza e il governatore della Regione FVG Massimiliano Fedriga Regione Friuli Venezia Giulia

TRIESTE - Riunione della Giunta nazionale Coni a Trieste alla presenza del presidente Giovanni Malagò. Il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, è intervenuto oggi in apertura di incontro nella sala del Consiglio comunale giuliano.

ORGOGLIO DELLA REGIONE - Così ha parlato Fedriga: «Un concreto riconoscimento (la presenza del presidente Coni) alla vivacità espressa dal movimento sportivo regionale in termini di risultati e soprattutto di partecipazione, considerando gli oltre 140mila tesserati (circa il 12 per cento della popolazione sopra i 3 anni) e le quasi 2mila società sportive che ci caratterizzano, con Trieste - ha aggiunto - che è percentualmente ai vertici assoluti della sportività nazionale nelle classifiche per atleti e per società. Sono dati che ci rendono orgogliosi e fiduciosi».

SPORT IN REGIONE - «Se il calcio - ha evidenziato il governatore - è lo sport più seguito e praticato quasi ovunque in Italia, con a ruota pallavolo e pallacanestro, nella nostra regione sono in pole position anche tennis, vela e atletica».

APPUNTAMENTI SPORTIVI - A questo proposito, Fedriga si è soffermato sui grandi eventi ricorrenti dello sport in Friuli Venezia Giulia, in primis la Barcolana (vela), confermando la «massima attenzione della Regione alle manifestazioni che creano indotto e coinvolgono in maniera significativa il territorio, così come - ha concluso - all'attività di base che è fondamentale per lo sviluppo dei giovani».