21 novembre 2018
Aggiornato 10:30

Intese per lo sviluppo 2018-20, il Pd chiede fatti

"Dalle parole ai fatti e si confermino i finanziamenti delle Intese per lo sviluppo, come sottoscritte delle Unioni Intercomunali Territoriali con la Regione, permettendo di avviare e completare le progettualità, gli interventi e le opere previste nei diversi territori", commenta Mariagrazia Santoro del Pd
Consigliere regionale Pd, Mariagrazia Santoro
Consigliere regionale Pd, Mariagrazia Santoro (Regione Friuli-Venezia Giulia)

TRIESTE - «La Giunta passi dalle parole ai fatti e confermi i finanziamenti delle Intese per lo sviluppo, come sottoscritte delle Unioni Intercomunali Territoriali con la Regione, permettendo di avviare e completare le progettualità, gli interventi e le opere previste nei diversi territori».

DISEGNO DI LEGGE 3 - A chiederlo è la consigliere regionale del Pd, Mariagrazia Santoro che oggi, insieme al collega Franco Iacop, ha presentato un ordine del giorno (sottoscritto da tutto il gruppo Pd, dai Cittadini e dal Patto per le autonomie) collegato al disegno di legge 3 "Norme urgenti in materia di funzioni delle Unioni territoriali intercomunali".

APERTURA AL DIALOGO - «Dopo anni di battaglie e accuse e un conseguente avvio di legislatura di messa all'indice nei confronti dei Comuni aderenti alle Unioni, grazie alla nostra insistenza, prima l'assessore Roberti, poi la maggioranza hanno ragionevolmente arrestato la loro foga di demolire in toto la legge 26 del 2014, avviando un'apertura di dialogo» commenta Santoro.

SVILUPPO 2018/20 - «Ora, - continua Santoro -  per dare una concreta attuazione di questo nuovo atteggiamento, la Giunta confermi dunque le Intese per lo sviluppo 2018-20 sottoscritte, che prevedono moltissimi interventi a valenza sovra comunale e di livello anche regionale, a partire dal completamento della rete cicloturistica regionale, fino a interventi di messa in sicurezza delle scuole, di edifici pubblici e investimenti in altri settori».