Politica | Trieste

Edilizia, nuovo programma dalla Regione: a breve confronto con operatori del settore

L'assessore alle Infrastrutture, Graziano Pizzimenti, presenta il programma di interventi per l'avvio del processo di riordino della disciplina edilizia. Per raggiungere gli obiettivi verrà costituito a breve un tavolo tecnico tra gli operatori del sistema edilizio regionale

Assessore regionale alla Infrastrutture, Graziano Pizzimenti
Assessore regionale alla Infrastrutture, Graziano Pizzimenti (Regione Friuli-Venezia Giulia)

TRIESTE - L'assessore regionale alle Infrastrutture, Graziano Pizzimenti, ha presentato alla Giunta regionale il programma di interventi per l'avvio del processo di riordino della disciplina edilizia normata dalla L.R 19/2009.

STRUTTURA - Un programma, ha precisato Pizzimenti: «che rappresenta una priorità dell'attività del governo regionale, attento a sentire i problemi dei cittadini, e conseguentemente garantire le risposte attese della collettività. Un programma che è in linea con l'impostazione di metodo anticipata dal governatore Fedriga nelle linee programmatiche, che prevedono che la riforma del Codice regionale dell'edilizia avvenga attraverso un percorso partecipato e concertato con le rappresentanze degli operatori pubblici e privati del settore, con la regia della Regione».

PUNTI FORTI - «La sua attuazione - precisa Pizzimenti - comporterà tra l'altro, benefici concreti per la collettività, attraverso la semplificazione della modulistica, dando certezza sui tempi e sugli adempimenti richiesti: traguardi da raggiungere attraverso un approccio multidisciplinare alle criticità del settore edile».

OBIETTIVI - «Ancor più concretamente - puntualizza - dovrà prevedere, nel contempo, forme innovative e di incentivazione del recupero del patrimonio edilizio esistente, nell'ottica di contenimento del consumo del suolo. Dovrà considerare - soggiunge l'assessore - l'onerosità degli interventi edilizi di recupero, e l'attuale momento di pressione tributaria, definendo così agevolazioni mirate, con l'obiettivo di una politica efficace sul bene casa, che fa oramai parte del bagaglio culturale e sociale e della storia della nostra regione, e che ha accompagnato la crescita della nostra comunità».

CONFRONTO CON OPERATORI EDILI - Per favorire il perseguimento di tali obiettivi, Pizzimenti, nel concludere, ritiene che debba essere costituito a breve un tavolo tecnico tra gli operatori del sistema edilizio regionale, perchè si possa arrivare a una proposta di disegno di legge condivisa per la revisione organica del settore edile. Questa riforma, dovrà produrre i suoi effetti entro questa legislatura, e sarà accompagnata da verifiche costanti nella sua attuazione.