17 novembre 2018
Aggiornato 07:30

Immigrazione, Fedriga: «Bene l'intensificazione dei controlli ai confini»

Per il governatore Fvg è stata «imboccata la strada giusta per garantire sicurezza ai nostri cittadini»
Immigrazione, Fedriga: «Bene intensificazioni controlli confini»
Immigrazione, Fedriga: «Bene intensificazioni controlli confini» (RFvg)

TRIESTE - Il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, si dichiara «molto soddisfatto per l'avvio dei controlli straordinari in prossimità degli ex valichi di confine nelle provincie di Trieste e Gorizia».

STRADA GIUSTA PER GARANTIRE LA SICUREZZA - «Il proficuo dialogo instaurato con il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, gli ottimi rapporti con la Slovenia e il prezioso quanto puntale contributo di tutte le forze dell'ordine coinvolte - evidenzia Fedriga - ha portato al rafforzamento delle operazioni di verifica nei punti di possibile maggiore ingresso e transito del flusso migratorio irregolare».
«Riteniamo - aggiunge il governatore - che sia stata imboccata la strada giusta per garantire sicurezza ai nostri cittadini e minore pressione su un territorio, il nostro, già messo a dura prova dalla presenza di migliaia di richiedenti asilo».

SMANTELLARE IL MODELLO DI ACCOGLIENZA - «Ora - conclude Fedriga - si tratta di proseguire con tutte le iniziative da porre in atto per fronteggiare questo fenomeno che, con il blocco in atto sulla rotta Mediterranea, potrebbe pericolosamente rilanciare la via dei Balcani».
«Se è vero - conclude il governatore, facendo anche riferimento alla linea dura annunciata dalla neo insediata presidenza austriaca del Consiglio Ue - che si deve arrivare all'eliminazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari, si deve lavorare pure allo smantellamento dell'attuale modello di accoglienza, promuovendo l'apertura di centri per il rimpatrio che non consentano la libera circolazione di chi vi permane».