17 dicembre 2018
Aggiornato 02:00

Forza il posto di controllo al confine: arrestato un passeur

Quando è scattato l’inseguimento, dal mezzo ancora in movimento sono usciti repentinamente tutti gli occupanti, lasciando che la corsa proseguisse pericolosamente senza che vi fosse alcuno alla guida
Forza il posto di controllo al confine: arrestato un passeur
Forza il posto di controllo al confine: arrestato un passeur (Diario di Trieste)

TRIESTE - Nell’ambito di servizi predisposti ai valichi di confine e finalizzati alla prevenzione e contrasto del fenomeno dell’immigrazione clandestina, la polizia di Stato di Trieste ha tratto in arresto un cittadino romeno, indagato del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, avendo fatto entrare in territorio nazionale almeno una decina di stranieri irregolari, dietro la corresponsione di denaro.

DOMENICA - I fatti si sono verificati nel corso della mattina di domenica 15 luglio, quando, nel corso delle attività svolte dal dispositivo operativo composto da pattuglie della polizia di frontiera, della squadra mobile e del reparto prevenzione crimine di Padova, un equipaggio ha intimato l’alt a un furgone con targa estera. Alla vista della pattuglia della polizia, l’autista ha premuto sull’acceleratore dirigendosi verso Trieste.

L’INSEGUIMENTO - A quel punto è scattato l’inseguimento ma, da lì a poco, dal mezzo ancora in movimento, sono usciti repentinamente tutti gli occupanti, lasciando che la corsa proseguisse pericolosamente senza che vi fosse alcuno alla guida. Prontamente, per evitare danni a persone o alla circolazione, l’equipaggio del reparto prevenzione crimine ha bloccato il veicolo e lo ha messo in sicurezza, allertando la sala operativa della Questura per l’avvio delle ricerche dei fuggitivi.

IL FERMO DEL GRUPPO - Poco dopo, nei pressi dell’abitato di Basovizza, è stato bloccato un gruppo di 10 soggetti provenienti da Iran e Afganistan, tra i quali c’era anche il passeur. Gli accertamenti hanno consentito di verificare come il gruppo, dopo essere scappato dal furgone, si sono dispersi nei boschi adiacenti; una volta riunitisi, alcuni si sono cambiati i vestiti e poi si sono mossi verso l’abitato, chiedendo indicazioni per Trieste. Sulla base degli accertamenti svolti, il passeur, romeno del 1983, è stato tratto in arresto e portato alla casa circondariale di Trieste, a disposizione della Procura della Repubblica giuliana che coordina le indagini. Gli stranieri irregolari saranno denunciati in stato di libertà per avere fatto ingresso illegalmente sul territorio nazionale.