19 dicembre 2018
Aggiornato 14:30

Carabinieri: doppio arresto per furto

Il primo è responsabile di evasione, tentata rapina e tentato furto aggravato. Il secondo è un noto ristoratore triestino ritenuto responsabile di furto aggravato di energia elettrica
Carabinieri: doppio arresto per furto
Carabinieri: doppio arresto per furto (Diario di Trieste)

TRIESTE – Due triestini arrestati in pochi giorni dai carabinieri del capoluogo giuliano. Entrambi sono stati fermati per furto.

VIA GIULIA - Nella notte fra il 23 e il 24 luglio, i carabinieri delle stazioni di Trieste via Hermet e Portonuovo hanno arrestato, in flagranza di reato, M.C., triestino 40enne, poiché ritenuto responsabile di evasione, tentata rapina e tentato furto aggravato. L’uomo, in violazione del regime degli arresti domiciliari a cui era sottoposto per reati contro il patrimonio, attorno alle 22, dopo essersi allontanato senza alcuna autorizzazione dal domicilio, è entrato in una pizzeria di via Giulia e ha tentato dapprima di trafugare l’incasso, senza riuscirvi, e, successivamente, servendosi di una bottiglia, ha tentato di rapinare il denaro minacciando il titolare dell’esercizio e suo figlio, ma è stato bloccato dai due, che l’hanno buttato fuori dal locale. Subito dopo, l’uomo ha iniziato a forzare le serrature di alcune autovetture parcheggiate nei pressi della pizzeria e del vicino comando provinciale della Guardia di Finanza, ma è stato bloccato da un finanziere e dai carabinieri giunti di li a poco sul posto. Portato in caserma, l’arrestato, dopo le formalità di rito e su disposizione del pubblico ministero di turno, è stato associato alla casa circondariale di Trieste, in attesa dell’udienza di convalida.

BORGO SAN SERGIO - Alcuni giorni fa, invece, i carabinieri della stazione di Trieste Borgo San Sergio, al termine di mirate indagini, hanno arrestato, in flagranza di reato, un noto ristoratore triestino, M.G. classe ‘71, ritenuto responsabile di furto aggravato di energia elettrica. I militari dell’Arma, a seguito della segnalazione giunta dall’azienda di fornitura del servizio elettrico, hanno effettuato un controllo nella trattoria gestita dall’arrestato, situata in zona Borgo San Sergio, accertando che l’uomo, già a partire dal mese di gennaio, aveva creato un by-pass al contatore di fornitura energia del locale, per sottrarre, senza pagare, l’energia elettrica e rifornire la trattoria a costo zero. Il danno stimato per l’azienda elettrica ammonta a circa 8 mila euro. Il contatore e i cavi abusivamente installati sono stati sequestrati e l’uomo, su disposizione del pubblico ministero di turno, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.