19 dicembre 2018
Aggiornato 15:00

Con varo barca 'passera', al via 'Barcolana 50'

L'ispirazione per la realizzazione della barca, ha spiegato Gialuz, rimanda dunque "alle nostre origini"
Con varo barca 'passera', al via 'Barcolana 50'
Con varo barca 'passera', al via 'Barcolana 50' (Ansa | Giuseppe Lami)

TRIESTE - Con il varo della 'Barcolana50', una barca a vela 'passera', appartenente alla tradizione nautica adriatica, si sono aperte ufficialmente le celebrazioni per la 50^ edizione della Barcolana, la regata più grande del mondo in programma a Trieste, con eventi e la gara finale, dal 5 al 14 ottobre. "Per celebrare l'edizione numero 50 - ha affermato Mitja Gialuz, Presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, organizzatrice della manifestazione, durante un incontro nella sede della stessa Società - abbiamo voluto varare la nostra 'Barcolana50', la barca che meglio ci rappresenta e racconta la nostra storia, che parte da lontano, da quella frase pronunciata dai nostri fondatori: 'Hai una barca, hai una vela? Allora puoi partecipare'".

ORIGINI - L'ispirazione per la realizzazione della barca, ha spiegato Gialuz, rimanda dunque "alle nostre origini». Da 50 anni a oggi, ha aggiunto, "alla regata ha sempre partecipato una passera, Il Nibbio. Nei mesi scorsi abbiamo quindi realizzato una passera della tradizione adriatica, innovandola. 'Barcolana50' ci rappresenta perfettamente; tradizione, modernità, rispetto per l'ambiente, la forza del know how Adriatico che sono i pilastri di Barcolana, della nostra gente di mare, dell'economia blu del Nord Est. L'idea per la 51/ma edizione della Barcolana - ha concluso - è di riservare una categoria speciale, all'interno della regata, proprio alla passera".