25 settembre 2018
Aggiornato 01:30

L’acqua è un bene prezioso: come usarla senza sprechi

Ecco alcuni consigli utili per i triestini per una gestione più responsabile della risorsa idrica
L’acqua è un bene prezioso: come usarla senza sprechi
L’acqua è un bene prezioso: come usarla senza sprechi (Adobe Stock)

TRIESTE - L'acqua è un bene prezioso e come tale dovrebbe essere trattata, in quanto fonte di vita per la sopravvivenza dell'intera umanità. L'uomo per vivere ha bisogno dell'acqua che soddisfa diverse necessità: la sete, la fame, l'irrigazione delle aree coltivate, l'igiene... Insomma l'acqua è un bene indispensabile. Per questi motivi, la gestione responsabile delle risorse idriche è uno dei principali valori a cui si ispira AcegasApsAmga nel gestire i servizi di captazione, approvvigionamento, trasporto e distribuzione di acqua potabile, oltre all'intero sistema fognario e di depurazione delle acque reflue nei territori serviti.

INVESTIMENTI - La multiutility investe in media ogni anno circa 20 milioni di euro nel ciclo idrico, principalmente in estensioni di rete, bonifiche e potenziamenti di reti e impianti, oltre che per adeguamenti normativi riguardanti in particolare i settori della fognatura e della depurazione. Assumono particolare importanza i progetti di modellazione delle reti, finalizzati, rispettivamente, a ridurre ulteriormente le perdite idriche di rete e prevenire gli allagamenti grazie a una gestione più efficiente del sistema fognario.

Queste attività si traducono in un tangibile vantaggio per gli abitanti dei territori serviti specie se si considera che, nel panorama nazionale, la garanzia della continuità nei servizi idrico, depurativo e fognario spesso non è scontata.

Ciononostante è bene contrastare il più possibile gli sprechi delle risorse idriche a nostra disposizione. Seguiamo questi 10 consigli, che ci aiuteranno anche a risparmiare sulla bolletta.

 

UTILIZZARE IL FRANGIGETTO SUI RUBINETTI - Applicando un frangigetto al rubinetto si produrrebbe un notevole risparmio: una famiglia di tre persone potrebbe risparmiare circa 6.000 litri d'acqua in un anno.

TENERE APERTO IL RUBINETTO SOLO PER IL TEMPO NECESSARIO - Tenendo aperto il rubinetto solo per il tempo realmente utile per il prelievo dell'acqua effettivamente necessaria, si potrebbero risparmiare circa 2.500 litri di acqua per persona all'anno.

RIPARARE IL RUBINETTO CHE GOCCIOLA - Riparare il rubinetto è un’attività che occupa solo pochi minuti ma permette di risparmiare in un anno circa 21.000 litri d'acqua.

RIPARARE IL WATER CHE PERDE - Riparando il water si può evitare il lento ma costante fluire dell'acqua e risparmiare circa 52.000 litri d'acqua in un anno

CONTROLLARE LA CASSETTA DI SCARICO - Nei principali negozi di idraulica e sanitari sono in vendita sistemi per un consumo più razionale(a manovella, a rubinetto o diversificato) che liberano a scelta 6 o 12 litri d'acqua.
Si arriverebbe così ad un risparmio del 50%, quantificabile in circa 26.000 litri d'acqua in un anno.

DOCCIA O BAGNO? - Per una doccia sono necessari circa 20 litri d'acqua, mentre per un bagno ne occorrono circa 150. Il calcolo del risparmio è presto fatto.

LAVARE LE VERDURE LASCIANDOLE A MOLLO ANZICHÉ IN ACQUA CORRENTE - Lasciare le verdure a mollo in una vaschetta per un certo periodo di tempo e risciacquarle poi velocemente sotto un getto d'acqua consente di realizzare un notevole risparmio d'acqua: per una famiglia di tre persone è stato calcolato un risparmio di circa 4.500 litri all'anno.

UTILIZZARE LA LAVATRICE E LA LAVASTOVIGLIE A PIENO CARICO - Effettuare lavaggi a pieno carico permette di risparmiare una notevole quantità di acqua: Per una famiglia ‘tipo’ di tre persone è stato calcolato un risparmio di 8.200 litri all'anno.

LAVARE L'AUTOMOBILE USANDO IL SECCHIO E NON L'ACQUA CORRENTE DEL GETTO - Si è calcolato che il lavaggio dell'auto impiega acqua per circa 30 minuti, con un notevole volume di consumo. Se invece si utilizzasse un secchio si potrebbero risparmiare circa 130 litri d'acqua potabile per ogni lavaggio.

RIUTILIZZARE ACQUA GIÀ UTILIZZATA PER INNAFFIARE L'ORTO, I FIORI O LE PIANTE - Per annaffiare l'orto o i fiori del terrazzo si può adoperare l'acqua già utilizzata per altri scopi, ad esempio per le verdure. In questo modo si possono risparmiare in un anno circa 6.000 litri d'acqua potabile.