15 dicembre 2018
Aggiornato 09:30

Ciclostaffetta per Giulio Regeni, partirà dal FVG e arriverà fino a Roma

Dal Collegio del Mondo Unito di Duino-Aurisina alla capitale, i tre staffettisti arrivati a destinazione consegneranno una lettera della famiglia Regeni alle maggiori Istituzioni italiane
Ciclostaffetta per Giulio Regeni, partirà dal FVG e arriverà fino a Roma
Ciclostaffetta per Giulio Regeni, partirà dal FVG e arriverà fino a Roma (Fiab BisiachinBici)

RONCHI DEI LEGIONARIIl 22 settembre farà tappa anche a Ronchi dei Legionari, grazie alla collaborazione con l’associazione culturale Leali delle Notizie e il patrocinio dell’amministrazione comunale ronchese, la 'Ciclostaffetta per Giulio Regeni', evento organizzato dall’associazione Fiab BisiachinBici. Sono passati due anni dall’omicidio di Giulio Regeni avvenuto in Egitto. Ancora nessuna verità su quanto avvenuto tra gennaio e febbraio: solo ipotesi che non possono accontentare i genitori.

LA CICLOSTAFFETTA - I rappresentanti dell'associazione FIAB Monfalcone BisiachINbici hanno spiegato la ragione per cui è nata questa iniziativa e il modo in cui ha preso forma. «A nostro parere la situazione non era cambiata rispetto agli inizi, non si erano fatti passi avanti - ha dichiarato Nicola Pieri, presidente dell’associazione - e sentivamo il bisogno di organizzare qualcosa che portasse nuovamente la vicenda all’attenzione di tutti.» Mentre Alessio Russi ha introdotto il pubblico presente al programma iniziale della Ciclostaffetta. Questa partirà il 22 settembre alle ore 8 dal Collegio del Mondo Unito di Duino-Aurisina, scuola che ha frequentato Giulio, dove si terrà un momento di incontro con gli attuali studenti, proseguirà verso Monfalcone e Ronchi dei Legionari, per poi spostarsi a Fiumicello dove gli staffettisti riceveranno dalla famiglia Regeni la lettera che verrà consegnata a Roma il 3 ottobre a una delle autorità dello Stato Italiano. «Attualmente non sappiamo ancora chi sarà il destinatario - ha risposto Paola Deffendi a chi chiedeva informazioni - valuteremo fino all’ultimo e poi lo comunicheremo agli staffettisti.» Saranno tre gli staffettisti – che fanno parte dell’associazione promotrice – che percorreranno interamente il percorso, ma tutti potranno unirsi a loro per brevi o lunghi tratti, liberamente. Dunque, nessun obbligo d’iscrizione. Mentre i Comuni che verranno attraversati dalla ciclostaffetta – ma anche il mondo associativo, le scuole e qualunque altra realtà – sono invitati ad aderire e supportare l’iniziativa, ciascuno a suo modo e secondo le proprie possibilità. 

SUPPORTO PER L'INIZIATIVA - Come? Innanzitutto organizzando, la settimana prima della staffetta, una serata dedicata a Giulio e poi ospitando verso le 10 di sabato 22 settembre i tre staffettisti e chiunque sarà al loro seguito presso Piazza Unità di Ronchi dei Legionari, dove le Istituzioni saluteranno il gruppo che intraprenderà questo percorso. Tappa successiva degli staffettisti: Fiumicello. La città dove risiedono i genitori di Giulio e dove il ragazzo è nato e cresciuto.
Per qualunque informazione, chiunque potrà contattare l’associazione che ha ideato e proposto il progetto: ciclostaffettapergiulio@gmail.com