18 agosto 2018
Aggiornato 21:30

Cultura, Fedriga: «Le associazioni d'Arma tengono viva la memoria»

Visita alla Casa combattente e al Museo Risorgimento da parte del governatore Fvg e del sindaco Dipiazza
Cultura, Fedriga: «Le associazioni d'Arma tengono viva la memoria»
Cultura, Fedriga: «Le associazioni d'Arma tengono viva la memoria» (Museo Ris)

TRIESTE - «Un edificio che riveste non solo un'importanza dal punto di vista culturale, con il Museo del Risorgimento, ma che anche ospita le realtà associazionistiche d'Arma, le quali sono portatrici di quella memoria che è una parte importante della storia del nostro Paese. A questi volontari va il ringraziamento della Regione per la passione e l'impegno profusi nella conservazione di quei valori che fondano il senso di appartenenza alla comunità nazionale». Lo ha detto il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, a margine della visita compiuta a Trieste alla Casa del combattente e al Museo del Risorgimento.

Nel corso dell'incontro, compiuto assieme al sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, il governatore ha visitato la parte museale e le sale che ospitano le associazioni con i loro cimeli storici, tra cui divise militari, documenti e foto d'epoca. Un patrimonio storico, come ha sottolineato Fedriga, che «meritoriamente tiene viva la memoria di quei tanti giovani che in passato sacrificarono il bene più prezioso di cui disponevano, la loro vita, e che per questo abbiamo il dovere di onorare conservandone il ricordo». Da parte sua, il sindaco Dipiazza ha evidenziato al governatore i progetti urbanistici previsti per rendere più visibile e quindi più fruibile il Museo, al cui interno si trova la prigione nella quale venne richiuso l'irredentista Guglielmo Oberdan prima dell'esecuzione della condanna a morte avvenuta nel 1882.