25 settembre 2018
Aggiornato 01:00

Trieste, ronde di Forza Nuova contro la prostituzione minorile

Sul social i militanti raccontano di avere perlustrato la zona di piazza Libertà, del Silos e dell'ex Inps
Trieste, ronde di Forza Nuova contro la prostituzione minorile
Trieste, ronde di Forza Nuova contro la prostituzione minorile (Fn)

TRIESTE - Una decina di militanti di Forza Nuova, alcuni di loro con casacche rosse, sono scesi venerdì notte in pattuglia nei dintorni della stazione di Trieste. Sono stati gli stessi esponenti del movimento di estrema destra, tramite la loro pagina Facebook, a rendere nota l'azione. Sul social i militanti raccontano di avere perlustrato la zona di piazza Libertà, del Silos e dell'ex Inps «dopo aver avuto segnalazioni di casi di prostituzione minorile», «fra ragazze triestine», «disposte a concedersi in cambio di pochi euro» a «stranieri di origine africana».

Nel corso della serata, raccontano gli esponenti di Forza Nuova, avrebbero visto «giovanissime ragazze quasi certamente minorenni» che si «intrattenevano con alcuni stranieri africani molto più anziani di loro». Alla vista dei militanti, «questi ultimi sono fuggiti, prima che potessimo chieder loro spiegazioni».

Il coordinatore regionale di Forza Nuova, Denis Conte, conferma che questa è solo la prima «passeggiata». «Finora - rammenta Conte - l'avevamo fatto sui bus, ora intendiamo accendere un riflettore sul degrado e in caso di necessità chiamare le forze dell'ordine».