9 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

A Gradisca d'Isonzo svelata la nuova stagione artistica. ​​​​​​​Cartellone ricchissimo e 6 prime regionali

Tra i nomi di spicco: De Laurentiis, Dighero, Vukotic, Guerritore, Troiano, Dapporto e Reggio. Abbonamenti al via il 29 settembre
A Gradisca d'Isonzo svelata la nuova stagione artistica. ​​​​​​​Cartellone ricchissimo e 6 prime regionali
A Gradisca d'Isonzo svelata la nuova stagione artistica. ​​​​​​​Cartellone ricchissimo e 6 prime regionali (Lampedusa)

GRADISCA D'ISONZO - Sarà un cartellone ricco, brioso, intenso ed emozionante quello del Nuovo Teatro Comunale di Gradisca d’Isonzo: 6 prime regionali, nomi di spicco, generi diversi e grande attenzione alla drammaturgia. Così è stata pensata questa nuova stagione artistica firmata dal direttore Walter Mramor e presentata assieme al sindaco Linda Tomasinsig e all’assessore Enzo Boscarol, alla presenza del vice presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Marino Zanetti. Abbonamenti al via il 29 settembre.

TUTTE LE DATE E GLI SPETTACOLI - Al centro dell’indagine di quest’anno ci sono la famiglia, i rapporti e la vita. Un percorso, a dieci anni dalla riapertura del Nuovo Comunale, che sarà inaugurato, il 6 novembre, con la prima regionale de ‘Alle 5 da me’ divertente commedia di Pierre Chesnot con Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero, prodotto da a.ArtistiAssociati e Synergie Teatrali, che racconta il desiderio di maternità e di stabilità nella coppia; si proseguirà, il 27 novembre, con il rapporto ‘esplosivo’ fra una madre ottantenne (Milena Vukotic) e il più giovane dei tre figli (Maximilian Nisi) nel testo dolce e graffiante di Eric Coble ‘Un autunno di fuoco’; prima regionale, l’11 dicembre, di ‘Giovanna D’Arco’ interpretata da una intensa e appassionata Monica Guerritore, anche autrice e regista; un’altra prima regionale, il 15 gennaio, sarà ‘Lampedusa’ con Donatella Finocchiaro e Fabio Troiano: quando i confini della famiglia si allargano, ecco che essa abbraccia una nazione, un continente, l’umanità tutta. Gli attuali flussi migratori e le loro conseguenze mettendo a confronto due vite descritte dall’acuta penna dell’inglese Anders Lustgarten; il 31 gennaio, in prima regionale, sarà di scena la nuova produzione del Teatro Golden ‘La casa di famiglia’, ovvero quattro fratelli alle prese con la vendita dell’abitazione di famiglia. Tornerà anche l’operetta, la più italiana fra tutte: ‘Scugnizza’, con la compagnia di Corrado Abbati, sarà sul palco in prima regionale il 19 febbraio. Atmosfere rarefatte e illusioni ottiche saranno, in prima regionale il 2 marzo, gli elementi fondanti dello spettacolo di danza ‘Indaco’. Il 12 marzo il testo toccante di Furio Bordon, ‘Un momento difficile’ vedrà protagonisti Ariella Reggio e Massimo Dapporto. Ancora illusione di altissimo livello, il 30 marzo, nello show diretto da Arturo Brachetti che vedrà protagonista il giovane e virtuoso Luca Bono. La stagione si chiuderà il 13 aprile con la MM Contemporary Dance che proporrà Gershwin suite/Schubert frames.
Molti anche gli appuntamenti per i più piccoli: tre spettacoli nella sezione 'SpazioScuola' e quattro per quella 'SpazioRagazzi', le domeniche a teatro per tutta la famiglia. Sempre per la famiglia ad ottobre il progetto speciale La scatola magica: viaggio alla scoperta del tempio delle Muse.
Infine l’appuntamento organizzato dall’Amministrazione comunale e dedicato a tutti i cittadini: il concerto di fine anno con la Mitteleuropa Orchestra fissato per il 29 dicembre alle 21.