17 novembre 2018
Aggiornato 16:00

Cambiano le regole per gli alloggi Ater: servirà la residenza in Fvg da almeno 5 anni

Prevista anche la revoca agli autori di delitti di violenza domestica. Lo ha stabilito la giunta regionale
Cambiano le regole per gli alloggi Ater: servirà la residenza in Fvg da almeno 5 anni
Cambiano le regole per gli alloggi Ater: servirà la residenza in Fvg da almeno 5 anni (RFvg)

TRIESTE - Come annunciato nelle scorse settimane dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, che ha parlato di «scelte precise a favore dei cittadini della nostra regione», la giunta ha predisposto un disegno di legge che punta a modificare la riforma delle politiche abitative approvata dal precedente esecutivo, portando in primo luogo da 2 a 5 gli anni minimi di residenza in regione per accedere ai contributi di edilizia agevolata, ricevere un bonus per l'affitto o acquisire il diritto a occupare un alloggio Ater.

VIA LA CASA A CHI COMPIE VIOLENZA DOMESTICA - In soli due articoli il documento, predisposto dall'assessore al Territorio, Graziano Pizzimenti, muta sostanzialmente le precedenti disposizioni, introducendo altre due importanti novità: la previsione che l'assegnazione dell'alloggio sia revocata per gli autori di delitti di violenza domestica e l'obbligo per gli stranieri di documentare l'assenza di altre proprietà immobiliari all'estero, con attestazione rilasciata dall'ambasciata del Paese di provenienza. Su questo aspetto Pizzimenti ricorda che per tutti il requisito per accedere alle agevolazioni consiste nel non essere già proprietari, né in Italia né all'estero, di altri alloggi, purché non inagibili.

LE PAROLE DELL'ASSESSORE PIZZIMENTI - «Ma per i cittadini stranieri bastava un'autocertificazione - evidenzia Pizzimenti - finora uno straniero poteva ottenere un alloggio popolare semplicemente dichiarando di non possedere altre abitazioni, né in Friuli Venezia Giulia né nel suo Paese d'origine. In proposito i nostri uffici hanno constatato che talvolta queste autocertificazioni sono false ma soprattutto il più delle volte sono impossibili da verificare». Da qui dunque la previsione che tutti i cittadini non appartenenti all'Unione europea presentino una documentazione ufficiale. Rispetto ancora al tema della violenza domestica, Pizzimenti fa notare che è si è pensato a proteggere e tutelare i familiari che quella violenza l'anno subita. Se infatti agli autori l'alloggio sarà tolto, «le altre persone conviventi non perdono il diritto all'abitazione e subentrano nella titolarità del contratto».