17 novembre 2018
Aggiornato 16:00

Al via il servizio BiciBus di Trieste Trasporti

Fino al 16 dicembre, partenze da via Ghega per il comprensorio di Basovizza di Area Science Park: a bordo fino a un massimo di 7 biciclette
Al via il servizio BiciBus di Trieste Trasporti
Al via il servizio BiciBus di Trieste Trasporti (Trieste Trasporti)

TRIESTE - Parte domenica 16 settembre, in occasione della Settimana Europea della Mobilità, il nuovo servizio sperimentale BiciBus di Trieste Trasporti. L’iniziativa, che rientra fra quelle del progetto europeo Civitas Portis, di cui l’azienda è partner, consentirà di viaggiare in autobus fra il centro città e Basovizza con le biciclette a bordo. Il servizio sarà attivo tutti i giorni da domenica 16 settembre a domenica 23 settembre e, dal 29 settembre, tutti i sabati e le domeniche fino al 16 dicembre.

NELLA PRIMA SETTIMANA di operatività, ovvero fino al 23 settembre, le partenze avverranno dalla nuova fermata di via Ghega 3, vicino a piazza della Libertà, con i seguenti orari: 9, 10, 11, 13, 14, 15, 16, 17. Il punto di arrivo sarà il capolinea della linea 39 nel comprensorio di Basovizza di Area Science Park (Sincrotrone Elettra). Da Basovizza le partenze avverranno alle 9.30, 10.30, 11.30, 13.30, 14.30, 15.30, 16.30, 17.30.

IL SERVIZIO, al quale si potrà accedere con un biglietto di corsa semplice o con un normale abbonamento, farà un’unica fermata intermedia, a richiesta, in corrispondenza del distributore di benzina Eni in via Valerio, a fianco dell’Università. Dal 29 settembre (e fino alla fine della sperimentazione) le partenze del BiciBus saranno spostate in piazza della Libertà di fronte alla stazione ferroviaria.

A BORDO DEL MEZZO, che sarà identificato con la dicitura BiciBus, potranno essere caricate fino a un massimo di 7 biciclette, che dovranno essere alloggiate negli spazi abitualmente riservati alle carrozzelle. Le biciclette dovranno essere ancorate, a cura degli utenti, alle aste verticali o ai mancorrenti orizzontali con le apposite cinghie presenti sul bus. Il servizio, autorizzato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dalla Motorizzazione civile regionale, sarà riservato ai ciclisti e alle rispettive bici: gli autobus non potranno trasportare altri passeggeri. A bordo dei bus, inoltre, non potranno essere caricati tandem, mentre sarà consentito l’accesso alle biciclette a pedalata assistita. Il carico e lo scarico delle biciclette dovrà avvenire a cura e sotto la responsabilità dell’utenza.