9 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Forza la porta di un negozio e ruba il registratore di cassa: arrestato in flagranza

C.A. è stato tratto in arresto per il reato di furto aggravato e condotto alla locale Casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica del Tribunale di Trieste che coordina le indagini
Forza la porta di un negozio e ruba il registratore di cassa: arrestato in flagranza
Forza la porta di un negozio e ruba il registratore di cassa: arrestato in flagranza (shutterstock |)

TRIESTE - Nel pomeriggio di venerdì 14 settembre è stato tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato, C.A., del 1956, originario del padovano, ma residente a Trieste, con precedenti per reati contro il patrimonio e la persona.

I FATTI - Erano circa le 14.30, quando, nel corso di servizi in borghese finalizzati al contrasto dei reati contro il patrimonio, una pattuglia della sezione specializzata della Squadra Mobile ha notato un soggetto. L’uomo, con in mano un sacchetto, camminava con circospezione lungo la centrale via Battisti.

IL PEDINAMENTO - Gli agenti hanno quindi iniziato a controllarlo a distanza: una volta arrivato nei pressi di una cartoleria, è entrato in un piccolo androne antistante la porta di ingresso per allontanarsi qualche istante dopo alla vista di un equipaggio delle forze dell’ordine in uniforme, che nel frangente stava transitando di lì. Trascorso qualche minuto, l’uomo si è avvicinato nuovamente all’ingresso del negozio iniziando ad armeggiare sull’infisso, aprendo la porta e introducendosi all’interno dell’esercizio commerciale dal quale usciva subito dopo con in mano un oggetto di forma rettangolare di grosse dimensioni di colore nero.

L’ARRESTO - Mentre alcuni agenti continuavano a seguire il sospettato, un altro poliziotto ha raggiunto la cartoleria per verificare cosa fosse effettivamente accaduto, accertando che il 62enne, nell’arco di pochi secondi, era riuscito a forzare le serrature e, dopo essere entrato, aveva divelto il cassetto in metallo del registratore di cassa portandolo via con sé. A questo punto, gli agenti hanno bloccato immediatamente il malfattore che, sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso degli arnesi utilizzati per lo scasso e della cassa appena trafugata che, dopo gli accertamenti di rito, è stata restituita, assieme al contante, al legittimo proprietario. C.A. è stato tratto in arresto per il reato di furto aggravato e condotto alla locale Casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica del Tribunale di Trieste che coordina le indagini.