9 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Collaborazione con la Cina, Bini:" Tante le opportunità da Chengdu"

"Si tratta di un primo passo per costruire un ponte che porteremo avanti con il sistema Fvg a Chengdu, una realtà che ha potenzialità di crescita importanti", commenta l'assessore Bini durante il primo giorno di missione in Cina
L'assessore Sergio Bini e il vicepremier Luigi Di Maio
L'assessore Sergio Bini e il vicepremier Luigi Di Maio (Regione Friuli-Venezia Giulia)

TRIESTE - Il Friuli Venezia Giulia consolida le relazioni a Chengdu, capoluogo della provincia del Sichuan, una delle realtà più dinamiche della Cina, e incassa riscontri positivi in termini istituzionali e imprenditoriali.

PRIMO GIORNO DI MISSIONE - È quanto già riscontrato nel corso del primo giorno della missione in Cina, in occasione della Western China International Fair (Wcif) a Chengdu che sarà inaugurata domani, della delegazione regionale guidata dall'assessore ad Attività produttive e Turismo del Fvg, Sergio Emidio Bini, con il presidente dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico Orientale, Zeno D'Agostino, il direttore del Cluster regionale Arredo e sistema Casa, Carlo Piemonte, e Rodolfo Martina, coordinatore di Agenzia investimenti Fvg.

INTERESSE DEL GOVERNO - Nel corso della prima giornata di lavori, Bini, presente all'incontro con la comunità d'affari italiana partecipante alla fiera, meeting a cui è intervenuto il vicepremier Luigi Di Maio, ha evidenziato come Di Maio abbia valorizzato le imprese e i prodotti di qualità. «In questo contesto - ha spiegato Bini - si inserisce a pieno titolo il Fvg con le sue eccellenze. Il Governo italiano ha confermato molto interesse per questa parte della Cina, dove è già attiva la nostra delegazione, e l'importanza di fare sistema. Si tratta di un primo passo per costruire un ponte che porteremo avanti con il sistema Fvg a Chengdu, una realtà che ha potenzialità di crescita importanti».

SOLO VANTAGGI - «Oggi - ha concluso l'assessore Fvg - abbiamo toccato con mano i possibili sviluppi di questa parte dell'Oriente e le positive ricadute per la nostra imprenditoria sia in termini di import sia di export».

CONCRETEZZA E CONTINUITA' - A margine dell'incontro, l'ambasciatore d'Italia in Cina, Francesco Sequi, ha evidenziato la valenza e l'opportunità della Nuova Via della Seta per i nostri porti, Trieste in particolare, in quanto ben collegati al centro dell'Europa e complementari al Pireo. Riferendosi alla delegazione Fvg, Sequi ha affermato come «una delle parole chiave nelle relazioni con la Cina sia la concretezza dell'approccio e la continuità del rapporto: caratteristiche che il Fvg sta dimostrando di avere».

NUOVA VIA DELLA SETA - Filippo Umberto Nicosia, console generale d'Italia a Chongqing, ha quindi rimarcato la significativa presenza del Fvg alla Wcif nella quale l'Italia è ospite d'onore. «Il Fvg è una realtà territoriale strategica per la Nuova Via della Seta proposta dai cinesi che - ha aggiunto Nicosia - hanno individuato nel porto di Trieste uno dei terminali futuri più importanti del corridoio marittimo. Va inoltre considerata la valenza del Fvg rispetto al comparto arredo in quanto Chengdu punta proprio a sviluppare il design, la creatività e il settore arredo mobile».

STRATEGIA VINCENTE - «Le missioni istituzionali rappresentano un grande valore - ha sottolineato ancora il console - e l'interlocuzione politica con le presenze aziendali è una strategia vincente perché è fondamentale presentarsi in Cina come sistema e, in quest'ottica, il Friuli Venezia Giulia si sta muovendo bene».

VISITA NELLA NUOVA AREA DI TIANFU - Bini ha visitato anche la sede operativa dei partner del Cluster Arredo Casa Fvg nel cuore della nuova area di Tianfu, ovvero il Centro Cina Europa, dove sono stati illustrati dei progetti legati al comparto edile residenziale che potranno aprire future opportunità concrete per le imprese regionali.