9 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Sicurezza, inaugurati nuovi uffici della Polizia ferroviaria e Centro operativo

"Devo ringraziare per l'attenzione che viene rivolta al Friuli Venezia Giulia, testimoniata oggi da questa nuova e moderna struttura che garantisce operatività ed efficienza e, quindi, una maggiore sicurezza per i cittadini", commenta il governatore Fedriga all'inaugurazione
Presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, all'inaugurazione della nuova centrale operativa della Polizia Ferroviaria
Presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, all'inaugurazione della nuova centrale operativa della Polizia Ferroviaria (Regione Friuli-Venezia Giulia)

TRIESTE - «Devo ringraziare per l'attenzione che viene rivolta al Friuli Venezia Giulia, testimoniata oggi da questa nuova e moderna struttura che garantisce operatività ed efficienza e, quindi, una maggiore sicurezza per i cittadini». Lo ha detto a Trieste il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, a margine della cerimonia di inaugurazione dei nuovi uffici del Compartimento Polizia ferroviaria per il Friuli Venezia Giulia e del nuovo Centro operativo compartimentale presso la Stazione Centrale.

SISTEMI SOFISTICATI - Il governatore ha sottolineato l'importanza di questo presidio anche da un punto di vista tecnologico, grazie ai sofisticati sistemi di videosorveglianza del Centro operativo compartimentale, attraverso il quale viene garantita una cabina di regia unica attrezzata per il coordinamento dell'attività delle pattuglie nell'intera regione. «Il tutto - ha detto Fedriga - è finalizzato a una maggiore qualità della sicurezza offerta ai cittadini: un obiettivo che da oggi può contare su strutture efficienti come questa, organizzata anche per effettuare interventi mirati in caso di necessità».

COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI - Da parte sua il direttore centrale della Specialità della Polizia di Stato, Roberto Sgalla, ha rimarcato l'importanza della collaborazione tra le Forze dell'Ordine e le Istituzioni locali nel campo della sicurezza, definendo questa sinergia come «un sistema intelligente per gestire le criticità e programmare anche le politiche di prevenzione». Sulla stessa linea il questore di Trieste, Isabella Fusiello, la quale ha ribadito l'esigenza di un'unità d'intenti a livello istituzionale per garantire il miglior servizio ai cittadini che, da parte loro, possono altresì fornire un contributo nell'ambito di quella che viene definita 'sicurezza partecipata'.

MIGRANTI - Nell'occasione, il governatore ha espresso la propria soddisfazione per la drastica riduzione (-80%) degli ingressi illegali di stranieri dal confine con la Slovenia nella zona di San Dorligo della Valle e ha ringraziato il Governo e le Forze di Polizia per il loro impegno che ha portato all'arresto dei passeur che portavano gli immigrati clandestini in Italia.

PRESENTI - Alla cerimonia hanno partecipato, tra le altre autorità, anche il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, il prefetto e commissario del Governo in Fvg, Annapaola Porzio, e il vescovo di Trieste Giampaolo Crepaldi.

Il taglio del nastro

Il taglio del nastro (© Regione Friuli-Venezia Giulia)