9 dicembre 2018
Aggiornato 21:00

AcegasApsAmga promuove la mobilità sostenibile con le colonnine di ricarica per veicoli elettrici

In occasione della Settimana Europea della Mobilità, la multiutility sottolinea quanto sia importante sostenere lo sviluppo della mobilità elettrica a favore del miglioramento della qualità della vita nelle città
AcegasApsAmga promuove la mobilità sostenibile con le colonnine di ricarica per veicoli elettrici
AcegasApsAmga promuove la mobilità sostenibile con le colonnine di ricarica per veicoli elettrici (AdobeStock | bizoo)

TRIESTE - Il piano di AcegasApsAmga è iniziato nel 2015 con l’installazione di 10 colonnine di ricarica elettrica a Trieste, seguita poi da Gorizia e Udine, città che proprio meno di un anno fa ha visto l’inaugurazione della prima colonnina ‘fast charge’, ovvero in grado di ridurre drasticamente i tempi di ricarica. A oggi quindi risultano 12 le colonnine installate dalla multitutility in Friuli Venezia Giulia. Dai dati è emerso che dall’inizio di quest’anno sono state effettuate più di 2 mila ricariche presso i punti installati da AcegasApsAmga, con un’erogazione di circa 16 mila kWh di energia elettrica. La colonnina di ricarica più utilizzata a Trieste risulta essere quella posizionata in Largo dei Granatieri, dietro a Piazza Unità, che quest’anno ha registrato oltre 300 ricariche.

TRIESTE IN PRIMA LINEA NELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE - L’installazione delle colonnine di ricarica da parte di AcegasApsAmga è il primo capitolo nel campo della mobilità sostenibile di Trieste, che anche quest’anno aderisce alla Settimana Europea della Mobilità. La multiutility partecipa attivamente all’iniziativa presenziando al convegno ‘Trieste verso una nuova mobilità, le PA e le grandi imprese si raccontano’ e illustrando le varie attività messe in campo dall’Azienda nell’ambito dell’energia sostenibile. AcegasApsAmga parteciperà anche alla ‘Civitas Portis e-cars race’: una sfida tra vetture elettriche lungo un percorso di circa 40 km, in cui un dipendente della multiutility rappresenterà l’azienda correndo la gara con una Renault Zoe 100% elettrica.

IL PROGETTO L'HERA DELLA MOBILITÀ ELETTRICA - Il piano di AcegasApsAmga rientra nell’Hera della mobilità elettrica, il piano del Gruppo Hera, che sta vedendo la realizzazione di reti di ricarica per auto elettriche su tutto il territorio nazionale. Il posizionamento delle stazioni di ricarica pubbliche è stato studiato al fine di massimizzare i benefici per le imprese, per la circolazione delle merci e per i lavoratori. La maggior parte delle colonnine installate sono ubicate infatti all’interno di parcheggi scambiatori o, più in generale, in aree ‘di scambio’, al fine di offrire un servizio per i pendolari e per le imprese del territorio, garantendo una sosta dedicata al veicolo elettrico e alla sua ricarica, così come dell’eventuale veicolo a motore termico, nelle ipotesi di car/van sharing attualmente allo studio.

UN TREND MONDIALE IN AUMENTO - Il trend della mobilità elettrica risulta in costante crescita. Secondo l'Agenzia internazionale dell'energia (Iea) solo nel 2017 sono state vendute più di un milione di auto elettriche, con una crescita del 54% rispetto al dato registrato nel 2016. Un trend riconoscibile anche nei dati locali, come nel caso delle ricariche di Trieste dove si sta assistendo ad una crescita costante. Nel corso del 2017, infatti, il numero delle ricariche nel capoluogo giuliano è quasi triplicato rispetto al 2015, superando le 800 ricariche, corrispondenti a più di 8.676 kWh, il 400% in più rispetto ai kWh erogati nel 2015.

STAZIONI DI RICARICA IN TUTTA ITALIA…A PORTATA DI APP - A questo indirizzo: mobility.gruppohera.it è possibile ottenere informazioni utili come l’esatta localizzazione e lo stato delle colonnine (libera, occupata, in manutenzione). Le stesse informazioni sono disponibili anche con l’app ‘Heramobility’, utilissima in viaggio.

COME ACCEDERE AL SERVIZIO - L’accesso alla presa viene consentito mediante smart card e in prospettiva il sistema è già predisposto per abilitare la ricarica anche tramite il telefono cellulare.