9 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Gusti di Frontiera: i consigli della Polizia di Stato

I servizi di ordine e sicurezza pubblica hanno previsto un sensibile incremento in termini di risorse umane e strumentali: verranno effettuati controlli ai varchi di accesso alla manifestazione e nelle zone perimetrali ma anche sulle arterie stradali in ingresso città e in ambito ferroviario
Gusti di Frontiera: i consigli della Polizia di Stato
Gusti di Frontiera: i consigli della Polizia di Stato (Polizia di Stato)

GORIZIA - Domani, 27 settembre, prenderà il via la 15° edizione di Gusti di Frontiera, la kermesse enogastronomica più grande del Triveneto, che vede affluire nel capoluogo isontino decine di migliaia di persone nei quattro giorni di manifestazione.
I servizi di ordine e sicurezza pubblica hanno previsto un sensibile incremento in termini di risorse umane e strumentali; da parte delle forze dell’ordine verranno effettuati numerosi controlli ai varchi di accesso alla manifestazione e nelle zone perimetrali alla stessa mediante l’impiego di personale sia in uniforme che in 'borghese'. Particolare attenzione verrà anche rivolta sulle arterie stradali in ingresso città e in ambito ferroviario

CONSIGLI ALLA CITTADINANZA - Lo sforzo profuso dalle forze di polizia può, tuttavia, non essere sufficiente ad evitare spiacevoli episodi delittuosi, come furti con destrezza o scippi, in circostanze di un massiccio afflusso di persone in un luogo pubblico. Pertanto, la polizia di stato invita a porre in essere tutte quelle forme basilari di autotutela utili alla prevenzione dei più comuni reati.

Schematicamente e sinteticamente:

  • evitate di lasciare incustoditi borse, zainetti, portafogli o telefoni cellulari anche se solo per pochi istanti;
  • quando camminate tra la folla tenete borse e borsette preferibilmente a tracolla, ben chiuse e davanti al corpo;
  • se vi muovete con uno zaino evitate di mettere soldi o altri oggetti di valore all’interno dello stesso ed indossatelo preferibilmente davanti al corpo;
  • evitate di riporre denaro contante o altri oggetti di valore nelle tasche esterne dei vostri vestiti, soprattutto in quelle posteriori dei pantaloni;
  • quando effettuate pagamenti (o prelievi al bancomat) fate attenzione a chi vi sta accanto e tenete sempre saldamente in mano il portafogli;
  • In caso siate sicuri di aver subito il furto di bancomat o carte di credito chiamate immediatamente il numero verde corrispondente per bloccarle ed evitare spese o prelievi indesiderati;
  • In caso siate stati vittime di un furto non esitate a chiamare il nue 112 (numero unico di emergenza): la tempestività e la chiarezza delle informazioni fornite sono fondamentali per le forze di polizia al fine di risalire all’autore del fatto delittuoso.