9 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Crescita economica, Gibelli: "La cultura deve esserne il motore"

Intervento dell'assessore alla Cultura nel corso del workshop realizzato nell'ambito del progetto europeo Cre:Hub. Il progetto punta a creare un contesto favorevole di crescita per piccole e medie imprese nel settore della cultura e della creatività
Intervento dell'assessore regionale alla Cultura Tiziana Gibelli durante il workshop per il progetto Cre:Hub
Intervento dell'assessore regionale alla Cultura Tiziana Gibelli durante il workshop per il progetto Cre:Hub (Regione Friuli-Venezia Giulia)

TRIESTE - «Dal lavoro che stiamo facendo assieme auspico che arrivi qualche strumento che ci aiuti a uscire da un circolo vizioso mettendone in atto uno virtuoso, affinché la cultura e l'impresa creativa siano parte dell'economia reale del paese». Lo ha detto oggi a Trieste l'assessore regionale alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Tiziana Gibelli, nel corso del workshop realizzato nell'ambito del progetto europeo Cre:Hub, finanziato dal programma Interreg Europe di cui la direzione Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia è partner.

MOTORE DELLA CRESCITA - L'assessore, sottolineando come la crisi economica degli anni scorsi non abbia favorito l'intervento dei privati nel settore, si è soffermata in particolare sulla necessità di ricercare e mettere in risalto i modelli vincenti in cui la cultura riesce a diventare un propulsore della crescita economica, anche se «nel nostro paese le potenzialità in questo senso sono sfruttate ancora al minimo».

NO AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO - Passando al ruolo delle istituzioni pubbliche, Gibelli ha rimarcato come i progetti e la visione strategica di un politico non possano ridursi al limite temporale della legislatura, ma debbano avere una prospettiva più ampia di carattere sistemico, altrimenti «ci si limita a fare gli amministratori di condominio e a lavorare unicamente sull'esistente».

PROGETTO CRE:HUB - Nel dettaglio il progetto Cre:hub punta a sviluppare strumenti in grado di creare un contesto regionale ed europeo favorevole alla crescita delle piccole e medie imprese nei settori della cultura e delle creatività. Il progetto ha raggruppato tutti gli attori competenti nella costruzione di un documento strategico (Action plan) - che è stato presentato oggi agli stakeholders del territorio - in grado di guidare l'azione regionale a favore delle imprese culturali indirizzate verso le sfide in un nuovo contesto europeo.

SISTEMA PRODUTTIVO CULTURALE CREATIVO - Nel corso dell'incontro è stato ricordato che il sistema produttivo culturale creativo del Fvg produce circa 1,8 miliardi di euro di valore aggiunto grazie all'impiego di 33mila e 400 addetti.

INIZIATIVE - Sul piano delle partnership a livello europeo, la Regione, che ha il coordinamento della Commissione Cultura della Conferenza delle Regioni, è coinvolta in due importanti iniziative: l'adesione alla rete Regionale initiative for culture and creativity (Ricc), strategia lanciata nel 2016 dalla Commissione europea e che si prefigge di porre la cultura al centro delle relazioni internazionali dell'Ue, e la partecipazione a "2018 Anno del patrimonio culturale europeo".