9 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Tutti a Grado per la 2°edizione di "Mare Nostrum", Festival della cultura del mare

L’evento ha come tema i Saperi e i Sapori della Tradizione graisana, una full immersion d’altri tempi, un vero e proprio tuffo nel passato con attori e artisti che faranno rivivere ai visitatori la vita e i mestieri di una volta
Tutti a Grado per la 2°edizione di "Mare Nostrum", Festival della cultura del mare
Tutti a Grado per la 2°edizione di "Mare Nostrum", Festival della cultura del mare ()

GRADO - La Pro Loco di Grado organizza la 2°edizione del Festival della Cultura del Mare 'Mare Nostrum', che si terrà nel centro storico dell’Isola, nei giorni 5 (pomeriggio), 6 e 7 ottobre. L’evento ha come tema i Saperi e i Sapori della Tradizione graisana, che verranno esposti e rappresentati da una quarantina di operatori tra le piazze e le calli del centro storico dell’Isola del Sole, in un importante spazio di vetrina, mercato e mescita, dedicato alle aziende locali del comparto mare e agroalimentare dei territori limitrofi alla nota località balneare (il «Mar Grando» di Biagio Marin). Una full immersion nella Grado d’altri tempi, un vero e proprio tuffo nel passato con attori e artisti che faranno rivivere ai visitatori la vita e i mestieri di una volta. Pescatori, artigiani e marinai racconteranno a grandi e piccini i segreti del mare e si incontreranno i personaggi fantastici dei miti e delle leggende gradesi, ripresi dalla tradizione orale.

UNA SORTA DI RIEVOCAZIONE - L’intento è quello di restituire ai partecipanti al Festival, un’immagine dei tempi passati, di un mercato dove i prodotti dell’entroterra friulano venivano scambiati con i prodotti del mare di Grado. Anticamente, infatti, i frutti della pesca venivano barattati con vino, farine, prodotti agricoli e artigianali. Rievocazioni storiche, danza, teatro, manifestazioni saranno quindi da corollario a questo fine settimana impossibile da perdere nel quale trovarsi e ritrovarsi... e per assaporare un grande itinerario fra le vie del centro storico dedicato ai sapori della cucina tipica, al boreto, inconfondibile piatto gradese e i vini friulani: più di 50, fra espositori, ristoranti e osterie aderenti all’iniziativa proporranno una pietanza selezionata fra le tante ricette della tradizione.

DEGUSTAZIONI A TAPPE - Le stazioni degustazioni daranno così vita all’itinerario 'Grado isola dei sapori'; una vera e propria caccia al tesoro fra le vie del castrum alla ricerca dell’eredità culinaria dell’autentica cucina graisana. Il visitatore che alle stazioni di cambio installate nelle piazze dell‘evento acquisterà 'le vecie corone' (del valore di 2 euro l’una) riceverà una mappa con la quale potrà orientarsi nella scoperta delle prelibatezze proposte. La piazza Biagio Marin sarà dedicata ai giochi di strada della vecchia Grado. In piazza XXVI Maggio-Porto verranno riproposti i mestieri e la vita quotidiana degli abitanti dell’Isola del Sole. Sarà inoltre visibile la barca Nettuno, utilizzata da Pier Paolo Pasolini durante la lavorazione del film 'Medea', girato in parte tra gli isolotti della Laguna.

TOUR, MOSTRE, CUCINA - Da non perdere, infine, i tour guidati, le affascinanti mostre (al Cinema Cristallo: 'I casoni di Grado: storia e tradizione della vita in laguna'. Alla casa della Musica: 'Il centro storico di Grado tra arte, architettura ed evoluzione urbanistica') e gli incontri culinari (con Spyrus Theodoridis, Andy Luotto, Bruno Gambacorta, Fabrizio Nonis, Vito…), che caratterizzeranno questa nuova edizione del Festival.