19 dicembre 2018
Aggiornato 14:30

Norma Cossetto, il suo martirio sarà ricordato in tutto il Fvg

Accolta una mozione in Consiglio regionale per commemorare la studentessa italiana d'Istria seviziata e stuprata da partigiani jugoslavi
Norma Cossetto, il suo martirio sarà ricordato in tutto il Fvg
Norma Cossetto, il suo martirio sarà ricordato in tutto il Fvg (G.G.)

TRIESTE - Il 5 ottobre ricorre il 75° anniversario del martirio di Norma Cossetto, la studentessa italiana d'Istria di 23 anni seviziata e stuprata da partigiani jugoslavi dopo essere stata legata a un tavolo, nei giorni precedenti la morte, per essere barbaramente uccisa appunto il 5 ottobre 1943 presso la foiba di Villa Surani, ad Antignana, dove fu nuovamente stuprata dai suoi aguzzini prima di essere gettata nella cavità carsica. Claudio Giacomelli, Alessandro Basso (FdI/An) e Piero Camber (FI), a cui si è aggiunta la firma di Antonio Lippolis (Lega), hanno portato la sua commemorazione all'attenzione del Consiglio regionale attraverso una mozione che, alla fine di un dibattito durato un'ora sui distinguo personali, ha visto comunque l'Aula accoglierla unanimemente. Nel documento, i proponenti ricordano il conferimento della medaglia d'oro al merito civile alla memoria della giovane istriana, il 9 dicembre 2005, da parte del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, con questa motivazione: «Giovane studentessa istriana, catturata e imprigionata dai partigiani slavi, veniva lungamente seviziata e violentata dai suoi carcerieri e poi barbaramente gettata in una foiba. Luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio».

SARA' RICORDATA IN TUTTO IL FVG - «Un amore per la propria patria - ha evidenziato il capogruppo di FdI/An, Giacomelli - profuso dalla giovane italiana al prezzo della sua stessa vita. Norma Cossetto è un emblema della pulizia etnica e delle violenze operate dai partigiani slavi nei confronti degli italiani d'Istria ed esempio di italianità e valore civile per le future generazioni. L'impegno che si chiede, allora, alla giunta regionale è che le sia riservata la giusta commemorazione nel giorno della sua morte, congiuntamente a iniziative volte alla diffusione della storia di Norma Cossetto e degli esuli istriani tra gli studenti del Friuli Venezia Giulia».E la giunta ha risposto immediatamente attraverso l'assessore all'Istruzione, Alessia Rosolen, che ha reso noto di star già lavorando a una modifica della legge regionale 13/2018 sul diritto allo studio e sul potenziamento dell'offerta formativa, per inserire una norma che dia equità e trasparenza ai fondi regionali che, attraverso le scuole, saranno destinati tanto al Giorno del ricordo (10 febbraio, per ricordare i massacri delle foibe) quanto alla Giornata della Memoria (27 gennaio, si ricordano le vittime dell'Olocausto). Da parte dell'assessore alla Cultura, Tiziana Gibelli, una pari difesa della mozione: «Credo che un gesto di ricordo, Norma Cossetto, se lo meriti perché ragazza che si rifiutava di rinnegare le proprie idee e perché morta in modo atroce proprio per questo. Non c'è nulla di più imbarazzante di qualcosa che precluda un ricordo a una donna del genere».

LE CELEBRAZIONI A TRIESTE - A Trieste il 75° anniversario del sacrificio di Norma Cossetto sarà commemorato venerdì 5 ottobre, con la tradizionale cerimonia solenne che inizierà alle ore 17.30 con la deposizione di una corona d’alloro alla stele posta nella via a lei dedicata, nel rione di Chiarbola. La cerimonia è organizzata dall’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia-Comitato provinciale di Trieste assieme all'Associazione delle Comunità Istriane ed alla Federazione delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati, in collaborazione con il Comune di Trieste che interverrà con il Gonfalone municipale e con la presenza del Sindaco Roberto Dipiazza.Successivamente, mercoledì 10 ottobre, alle ore 17.30, nella sede dell'Associazione delle Comunità Istriane, in via Belpoggio 29, in un'altra iniziativa promossa da questa Associazione sempre in collaborazione con l'ANVGD e FederEsuli, si parlerà ancora di Norma Cossetto, della sua tragica morte e di 'Red Land', il nuovo grande film sulle foibe e sul martirio della Cossetto che uscirà a novembre. Interverrà all'incontro il giornalista Fausto Biloslavo.