14 novembre 2018
Aggiornato 02:00

Razzismo e intolleranza: la preoccupazione delle comunità religiose di Trieste

Si sono ritrovate per la presentazione ufficiale di una lettera aperta con un appello morale e etico
Razzismo e intolleranza: la preoccupazione delle comunità religiose di Trieste
Razzismo e intolleranza: la preoccupazione delle comunità religiose di Trieste (Diario di Trieste)

TRIESTE - «Preoccupati per l'acuirsi di manifestazioni di razzismo e di intolleranza in tutta Europa e nella nostra città, dal fatto che sembra farsi strada una forma di assuefazione a richiami di ideologie causa, nel recente passato, di odio razziale e di discriminazione del diverso per lingua, etnia, handicap e religione, vogliamo lanciare un appello a tutti».

LA LETTERA APERTA - E' quanto affermano in una lettera aperta alla cittadinanza e alle sue istituzioni i rappresentanti religiosi delle varie Comunità e fedi presenti a Trieste. Un appello definito «non politico e al di fuori da qualsiasi partito», bensì «morale e etico», rivolto a tutta la città , che fa riferimento «ai valori essenziali che ci accomunano tutti, di pace, fratellanza e rispetto che si è costruito nel tempo in questa città», come ha sottolineato il rabbino capo di Trieste, rav. Alexandre Meloni, nel corso della conferenza stampa di presentazione del documento.