15 novembre 2018
Aggiornato 04:00

Malattie croniche dell’intestino: medici e pazienti a confronto

Incontro pubblico 20 ottobre all’Ospedale di Cattinara, alle 9.30
Malattie croniche dell’intestino: medici e pazienti a confronto
Malattie croniche dell’intestino: medici e pazienti a confronto (Amici)

TRIESTE - L’Associazione A.M.I.C.I. Onlus - sezione del Friuli-Venezia Giulia organizza un «Incontro Medici-Pazienti» all’Ospedale di Cattinara a Trieste, nell’Aula 8 al primo piano della nuova Area Didattica sabato 20 ottobre dalle 9.30 alle 12. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti. Per informazioni Tel 335211609. Nel corso della mattinata medici ed esperti delle malattie infiammatorie croniche dell’intestino saranno a disposizione per rispondere alle domande dei pazienti e dei loro familiari.

L’EVENTO - L’incontro, organizzato da A.M.I.C.I. Onlus in collaborazione In collaborazione con la SC di Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste (ASUITS) prevede un fitto programma di interventi. Apriranno i lavori Fabio Monica Direttore SC Gastroenterologia e Endoscopia digestiva e Raffaele Campanella, Presidente A.M.I.CI. Onlus sez. Friuli-Venezia Giulia. I temi al centro del dibattito riguarderanno il ruolo del medico di medicina generale nella gestione delle MICI con il dott. Maurizio Pagan, Medico di medicina generale; l’aggiornamento sui farmaci biologici a cura della dott.ssa specializzata in Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva Giulia Maria Pecoraro. Il direttore della Clinica Chirurgica dell’Ospedale di Cattinara Nicolò de Manzini affronterà le problematiche dei trattamenti chirurgici e l’intervento finale della psicologa Claudia Canaletti riguarderà l’importanza dell’informazione e del coinvolgimento del paziente.

MALATTIE - Le Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino (colite ulcerosa e Malattia di Crohn) sono patologie invalidanti che colpiscono con frequenza crescente le persone di tutte le età. Si ritiene che oggi in Italia ci siano circa 200 mila ammalati, ma sino a quando non saranno state individuate le cause di queste malattie, e le conseguenti terapie risolutive, il loro numero è destinato ad aumentare. Il numero di esenti ticket con MICI in Friuli-Venezia Giulia è di quasi 4 mila persone, con una prevalenza di 3 casi su ogni 1000 abitanti. «Le MICI sono patologie poco conosciute – sottolinea Raffaele Campanella Presidente A.M.I.C.I. Onlus Friuli-Venezia Giulia - questi incontri «medico-paziente» sono molto importanti non solo perché forniscono una corretta informazione a chi soffre di queste malattie, ma sono utili anche per sensibilizzare l’intera collettività sui disagi subiti dalle persone che ne sono affette. Queste malattie invalidanti, caratterizzate da una disabilità non visibile, hanno un forte impatto negativo sulla vita di tutti i giorni dei pazienti e delle loro famiglie che, oltre a subire forti disagi nell’affrontare le cure, non vengono aiutati da una legislazione che spesso non le tutela. Questo incontro – conclude Campanella – si inserisce nella serie di appuntamenti che L’Associazione AMICI onlus organizza ogni anno toccando tutte le Aziende per l'Assistenza Sanitarie del Friuli-Venezia Giulia., e per una Regione piccola come la nostra, costituisce un grande sforzo organizzativo, ma un sicuro servizio verso i pazienti. La nostra azione capillare garantisce che sia costante la pressione dell'Associazione verso i vertici delle Aziende Sanitarie, specie adesso che è stato approvato dalla Regione il PDTA e ci si aspetta la sua completa implementazione».