14 novembre 2018
Aggiornato 08:30

Aurisina, ottantaquattrenne scivola e si frattura il femore

Impegnati nei soccorsi i tecnici della stazione di Trieste del Soccorso Alpino e speleologico
Aurisina, ottantaquattrenne scivola e si frattura il femore
Aurisina, ottantaquattrenne scivola e si frattura il femore (Cnsas)

TRIESTE - La stazione di Trieste del Soccorso Alpino e speleologico è intervenuta domenica mattina per soccorrere un anziano caduto lungo il sentiero 23 in comune di Aurisina. L'uomo, B.S. ottantaquattrenne di Aurisina, stava facendo una passeggiata con la moglie quando è scivolato battendo violentemente il femore. Sul posto è intervenuta una squadra con cinque tecnici. Fortunatamente l'uomo si trovava a poca distanza dalla strada: in questo modo i tecnici lo hanno velocemente imbarellato e condotto sulla rotabile dove lo hanno consegnato ai sanitari dell'ambulanza. Ha riportato una sospetta frattura del femore. L'intervento si è chiuso alle 10.45.

Anche sabato le squadre della stessa stazione sono uscite con sei tecnici per una chiamata in Val Rosandra in comune di San Dorligo della Valle, assieme ai Vigili del Fuoco e ai sanitari dell'ambulanza. C'era stata infatti una segnalazione da parte di due arrampicatori che si trovavano sotto le paretine situate nei pressi della chiesetta di Santa Maria in Siaris, i quali avevano visto precipitare dei sassi e un ingombro che pareva uno zaino seguito da un tonfo. I tecnici hanno perlustrato i dintorni per circa un'ora, senza però trovare alcuna traccia di persone o zaini. La coppia che aveva segnalato l'accaduto è rimasta ad attendere sul posto i soccorsi senza avvicinarsi sul luogo della caduta per verificare, probabilmente per pudore. C'è stato anche un breve sorvolo dell'elicottero della centrale operativa di Udine, che si trovava di passaggio a Cattinara e ha fatto una rotazione sulla via del rientro senza notare nulla di sospetto.