14 novembre 2018
Aggiornato 02:00

Tram di Opicina: Grim esprime forti dubbi sulla ripartenza a primavera 2019

La consigliera comunale non è rimasta soddisfatta da quanto ascoltato in IV Commissione
Tram di Opicina: Grim esprime forti dubbi sulla ripartenza a primavera 2019
Tram di Opicina: Grim esprime forti dubbi sulla ripartenza a primavera 2019 (Diario)

TRIESTE - «La riunione della quarta commissione consiliare, in cui è stato presentato il progetto di rimessa in attività del tram di Opicina, ha contribuito a rafforzare i già forti dubbi che nemmeno a primavera del 2019 vedremo ripartire la nostra trenovia. Il sindaco Dipiazza ha lanciato l'ennesima scadenza, ma i tecnici sembrano cautelarsi dietro molta prudenza». E' quanto riferisce la consigliera del Pd Antonella Grim, che ha partecipato alla discussione in IV Commissione dedicata a fare il punto sulla rimessa in esercizio della storica ferrovia a cremagliera che collega il centro di Trieste con la località di Opicina, sull'altipiano. La relazione tecnica è stata tenuta dall'architetto comunale Marina Cassin, alla presenza dell'assessore ai Lavori pubblici Elisa Lodi.

L'ITER SI PREANNUNCIA LUNGO - «Abbiamo appreso – continua Grim - che non si tratta solo di riqualificare praticamente tutto il percorso, dal sedime ferroviario alle piazzole di sosta ma, poiché sono unici al mondo, bisognerà cominciare dalla fabbricazione ex novo dei binari, partendo proprio dall’inizio, cioè dalla fusione dell’acciaio... Per arrivare a quel punto, la giunta comunale dovrà prima dare il via ai progetti e quindi alle gare. Fortunatamente le risorse ci sono, grazie al finanziamento della precedente giunta regionale, pari a 3 milioni di euro e ad un ulteriore fondo comunale. Ma intanto sono passati inutilmente mesi e mesi, e non sappiamo perché».

SI E' PERSO TROPPO TEMPO - Infatti non ha trovato risposta il quesito della consigliera Grim, che ha interrogato la giunta Dipiazza «per sapere perché il Comune di Trieste non sia stato in grado di interloquire per tempo con il ministero competente prima, in modo da evitare di perdere praticamente tutto il 2018 in attesa dei permessi». «Sono convinta che alla fine riavremo il nostro amatissimo tram, ma – conclude Grim - sono ancor più sicura che ci sarà da incalzare e monitorare con attenzione».