9 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Sulla morte di Marianna Pepe, secondo la Procura nessun segno violenza

L'autopsia sarà svolta mercoledì e che dovrà stabilire se «effettivamente le cause del decesso sono riferibili all'assunzione di sostanze esogene o ad altre cause»
Sulla morte di Marianna Pepe, secondo la Procura nessun segno violenza
Sulla morte di Marianna Pepe, secondo la Procura nessun segno violenza (Marianna Pepe | Facebook)

TRIESTE - «Morte improvvisa conseguente a insufficienza cardiorespiratoria da edema polmonare secondario a verosimile polintossicazione da diverse sostanze». E' la causa della morte di Marianna Pepe, l'ex campionessa di Tiro a segno, avvenuta l'8 novembre scorso, secondo quanto scrive il medico legale che «non ha rilevato segni di violenza».

LE QUERELE - Lo riporta una nota della Procura di Trieste che coordina le indagini e che ha già conferito l'incarico per l'autopsia, che sarà svolta mercoledì e che dovrà stabilire se «effettivamente le cause del decesso sono riferibili all'assunzione di sostanze esogene o ad altre cause». Secondo quanto rende noto la Procura, un procedimento per recenti episodi di maltrattamenti pende nei confronti dell'ex compagno della donna. La vittima più volte aveva denunciato l'uomo ma poi aveva sempre ritirato le querele, definendolo un «bravo padre» che, benché la relazione tra loro fosse finita, la rispettava.