12 dicembre 2018
Aggiornato 15:00

Maxi operazione delle Fiamme Gialle: nel mirino 150 gare d'appalto

Sono 400 i finanzieri del Comando regionale impegnati nel Triveneto e in tutta Italia in acquisizioni documentali, perquisizioni e sequestri
Maxi operazione delle Fiamme Gialle: nel mirino 150 gare d'appalto
Maxi operazione delle Fiamme Gialle: nel mirino 150 gare d'appalto (Gdf)

GORIZIA - Sono 400 i finanzieri del Comando Fvg impegnati nel Triveneto e in tutta Italia in acquisizioni documentali, perquisizioni e sequestri disposti dalla Procura di Gorizia in enti pubblici e società per indagini su appalti di opere pubbliche per un valore di oltre un miliardo di euro.
L'inchiesta ipotizza turbative d'asta tra le imprese coinvolte per effetto di pratiche collusive, ma anche frodi nella realizzazione di ponti, viadotti, cavalcavia, sottopassi, gallerie, piste aeroportuali costruite utilizzando materiali difformi da quelli dichiarati.

Sono circa 150 le gare d'appalto per la realizzazione o la manutenzione di opere pubbliche che sarebbero state alterate e sulle quali sono in corso le verifiche della Guardia di Finanza e della procura di Gorizia. Tra queste, secondo quanto si apprende, anche alcune riguardanti opere e strade da realizzare nelle zone dell'Italia centrale colpite dal terremoto del 2016 tra cui la Tre Valli Umbre. Le verifiche degli uomini delle Fiamme Gialle si concentrano sulle gare indette in tre anni, dal 2015 al 2018.