20 maggio 2019
Aggiornato 19:30
Friuli Venezia Giulia

Spese pazze: condannati gli ex big. Si rimescolano le carte in Regione e in Comune

Camber sospeso dl Consiglio regionale, Bucci si dimette da assessore. Lega e progetto Fvg diventano più forti
Spese pazze: condannati gli ex big. Si rimescolano le carte in Regione e in Comune
Spese pazze: condannati gli ex big. Si rimescolano le carte in Regione e in Comune

TRIESTE – ‘Rimborsopoli’ è tornata a far parlare di sé. La prima sezione penale della Corte di Appello di Trieste, infatti, ha ribaltato le assoluzioni in primo grado nei confronti di dieci ex consiglieri regionali di Pdl e Pd, un consigliere attualmente in carica (Piero Camber) e un’altra persona estranea alla politica. L’accusa è quella di peculato per l’uso improprio dei fondi assegnati ai rispettivi gruppi politici nel periodo 2010-2012. Fondi destinati a spese di rappresentanza e impiegati invece in molti casi per l’acquisto di gioielli, vini e biglietti aerei. 

La lista dei condannati

Ecco l’elenco dei condannati: Maurizio Bucci, Piero Camber, Daniele Galasso, Gianfranco Moretton, Antonio Pedicini, Piero Tononi, Gaetano Valenti. Assoluzione per Everest Bertoli, Sandro Della Mea, Alessandro Tesini. Condanne che, con la legge Severino, hanno già avuto l’effetto di portare alla sospensione del consigliere regionale Camber e dell’attuale assessore comunale Bucci.

Cambiano gli equilibri tra alleati

In questo modo il secondo gruppo regionale per numero di eletti diventa Progetto Fvg a scapito di Forza Italia. Anche in Comune, a Trieste, cambiano gli equilibri, con la Lega che acquista sempre più potere.