22 ottobre 2019
Aggiornato 20:30
Sociale

Caso clochard, Russo a gamba tesa su Polidori: «Non ha nemmeno chiesto scusa»

Il consigliere regionale del Partito Democratico contro il vicesindaco di Trieste: «Cercava consenso, ma il popolo dei social ha reagito diversamente»

TRIESTE - Non si placano le polemiche sul caso clochard-Polidori: il gesto del vicesindaco ha fatto il giro del web e non solo. Tutta l'Italia, da Nord a Sud, ne parla. L'ultima dichiarazione arriva da Francesco Russo, consigliere regionale del Partito Democratico, che ha contestato duramente le azioni (sia nella vita reale che sui social) di Polidori.

Russo attacca Polidori

Di seguito l'intervento del consigliere regionale del Pd, Francesco Russo: 

«Ci sono due aspetti tristi nelle azioni del vicesindaco Polidori.
La prima investe il lato umano: buttare via le coperte di un senzatetto «con soddisfazione» approfittando della sua temporanea assenza, è un gesto vile e senza cuore. La seconda, invece, riguarda le sue responsabilità in qualità di amministratore locale.
«Lo faccio per il decoro urbano», dice. Non è vero. Lo fa, e lo posta sui social, pensando di trovare consenso. Peccato che il popolo dei social abbia reagito diversamente. 
E la vicenda non si è fermata al mondo dei social: oggi tutti i principali giornali e telegiornali italiani parlano male di Trieste. Un’intera nazione parla male di noi: ci sono addirittura migliaia di persone che su Facebook invitano a boicottare Trieste, a non andarci più. L’unico risultato raggiunto dal vicesindaco - che si atteggia a improbabile sceriffo - è aver causato un enorme danno di immagine a Trieste e ai suoi cittadini.
Non ha pensato almeno di chiedere scusa. No, anzi, continua a vantarsi del suo gesto.Se avesse un minimo senso dell’istituzione che rappresenta dovrebbe dimettersi da solo. Ma siccome non lo farà sarebbe bello che i cittadini, i commercianti, gli imprenditori e tutta la classe politica di Trieste insieme lo invitassero a farsi da parte. Invece di fare il bullo con i deboli e gli indifesi Polidori provasse a farlo con i forti. Ad esempio con quelli che hanno bloccato Trieste per tanti anni e provano ancora a farlo. Avrebbe avuto tante occasioni, non ultima la nomina di un assessore al turismo che di Trieste, per sua stessa ammissione, non sa nulla».