18 febbraio 2019
Aggiornato 13:00
L'intervento

Foibe, Fedriga: «La Regione Fvg condanna iniziative negazioniste»

Il governatore prende punta il dito contro un convegno in programma a Parla che prevede anche l'intervento della storica negazionista Kersevan
Massimiliano Fedriga, Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia
Massimiliano Fedriga, Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Regione Friuli Venezia Giulia

TRIESTE - «Fare leva sulla morte di innocenti e sul dolore di migliaia di famiglie per alimentare divisioni e riaprire ferite che hanno lacerato il confine orientale nel secondo dopoguerra è un esercizio che la Regione non può che condannare con forza». Una sottolineatura decisa, quella del governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, nella settimana che si chiuderà con le cerimonie del Giorno del Ricordo.

«Si vuole svilire un dramma»

«Spiace leggere che, ancora oggi, vi siano realtà che utilizzano una tragedia come quella delle foibe per rinverdire, attraverso iniziative negazioniste, polemiche che auspicavo superate. La Regione si dissocia dunque, e condanna formalmente, convegni come quello promosso dall'Anpi a Parma, il cui unico fine non è la ricerca di verità storiche bensì lo svilimento di un dramma vissuto dalle comunità italiane sul territorio nazionale e su quello dell'ex Jugoslavia»

In scaletta interventi negazionisti

Un evento, quello a cui fa riferimento Fedriga, è in programma il 10 febbraio a Parma, al Cinema Astra, e tra gli interventi in scaletta ci sono quelli della storica Alessandra Kersevan dal titolo 'La foiba di Basovizza: un falso storico' e dello storico Sandi Volk dal titolo 'I morti delle foibe riconosciuti dalla legge: 354, quasi tutti delle forze armate dell'italia fascista'. 

Le parole di Salvini

«È necessario rivedere i contributi alle associazioni, come l'Anpi, che negano le stragi fatte dai comunisti nel dopoguerra». Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini, intervenendo sulle polemiche per il convegno 'Foibe e fascismo' organizzato dall'Anpi il 10 febbraio a Parma.