22 ottobre 2019
Aggiornato 21:30
Cultura

Al via il 2 aprile la doppia mostra 'Fuori dal Blu!' a Udine e Trieste

L'inaugurazione avverrà in concomitante con la giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo, ed è pensata per aumentare la consapevolezza pubblica su questo fenomeno
Al via il 2 aprile la doppia mostra 'Fuori dal Blu!' a Udine e Trieste
Al via il 2 aprile la doppia mostra 'Fuori dal Blu!' a Udine e Trieste

TRIESTE - Si inaugura, a Trieste e a Udine, in concomitanza con la giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, la doppia mostra 'Fuori da Blu!' che approfondisce la ricerca scientifica sull’autismo e offre al pubblico l’occasione di percepire il mondo attraverso gli occhi delle persone autistiche.

Dove?

Il 2 aprile presso lo spazio Tcc in stazione a Trieste e al Naturama di Martignacco (presso Città Fiera) ci sarà un a cerimonia di apertura della mostra. A Trieste alle 17.30 proprio dalla stazione partirà la 'passeggiata della sensibilizzazione' a partecipazione libera, in direzione piazza Unità, accompagnati dalla banda berimbau e da Uolter, 'la boba de Borgo', che porterà i partecipanti fino a piazza Unità. Da lì partirà 'Run in Blu', gara di corsa non competitiva, seguita da concerti e premiazioni.

Quando?

La mostra aperta dal 2 aprile al 24 maggio sarà abbinata a eventi, conferenze, visite guidate e laboratori per le scuole. In particolare per il 2 aprile è previsto un ampio programma di eventi pubblici dedicati all’autismo in tutta la regione. La mostra e gli eventi sono aperti a tutti e gratuiti. Per maggiori informazioni consultare il sito www.fuoridalblu.it.

Lo scopo

La mostra 'Fuori dal blu!', che si svolgerà in contemporanea nelle due sedi di Trieste e Udine è pensata proprio per aumentare la consapevolezza pubblica sull’autismo e sulla sindrome di Asperger e per far capire che non sono solo condizioni che producono sofferenza e isolamento sociale. Lo spettro autistico può e deve essere vissuto anche come una variabilità colorata del genere umano, una neurodiversità che arricchisce tutta la collettività. Fra gli intenti specifici c’è quello di 'far vedere' il mondo attraverso gli occhi delle persone autistiche, così da capire in maniera diretta il singolare mondo percettivo. La mostra che verrà allestita a Trieste si propone in particolare di fare il punto sulla ricerca scientifica rispetto ai temi dell’autismo, mentre la parte udinese presenta il punto di vista di chi opera sul campo, genitori e operatori cognitivo-comportamentali, e approfondisce la diversa percezione sensoriale con la quale devono convivere le persone autistiche. Attraverso laboratori sensoriali e video emozionali del film-maker Paolo Comuzzi il visitatore ha l’opportunità di 'tuffarsi' nei colori dell’autismo e può cosi lasciarsi coinvolgere a livello esperienziale. Il messaggio che ne scaturisce ci ricorda che si esce 'fuori dal blu' per raggiungere la vera inclusione sociale solo attraverso una migliore conoscenza delle persone con autismo e sindrome di Asperger.