21 luglio 2019
Aggiornato 02:30
Trieste

Finanze 2019 -2021: investimenti per 271 milioni di euro

Una disponibilità da conseguire attraverso un mutuo con la Banca europea per gli investimenti e un secondo con la Cassa depositi e prestiti
Finanze 2019 -2021: investimenti per 271 milioni di euro
Finanze 2019 -2021: investimenti per 271 milioni di euro Regione Friuli Venezia Giulia

TRIESTE - Un finanziamento complessivo di 271 milioni di euro destinato agli investimenti per il triennio 2019-2021 nei settori dell'edilizia scolastica, sanità, protezione civile, enti locali, infrastrutture, risorse agroalimentari, cultura, sicurezza e attività produttive. Una disponibilità da conseguire attraverso un mutuo con la Banca europea per gli investimenti e un secondo con la Cassa depositi e prestiti per rispettivamente 125 e 146 milioni di euro.

I numeri

Lo ha autorizzato il 18 aprile a Trieste la Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia su proposta dell'assessore alle Finanze. Per la sottoscrizione formale degli atti, la stessa giunta dovrà esprimersi in un secondo momento, in particolare sulla parte relativa alla scelta del tasso di interesse, alla durata e all'ammontare dell'ammortamento e alle garanzie da rilasciare. Come è stato illustrato dall'esecutivo, l'iter di questo provvedimento parte dalla legge di Stabilità 2019 che ha aperto al ricorso al mercato finanziario mediante la contrazione di mutui per una cifra massima di 319 milioni di euro nel triennio 2019-2021. Di questa somma, la giunta ha già autorizzato nel corso del corrente anno un finanziamento di 48 milioni di euro destinati a tutta una serie di interventi per i quali era prevista una copertura a bilancio con mutuo. Conseguentemente a ciò, al netto dei 48 milioni già finanziati, per i restanti 271 da assegnare, la proposta vagliata oggi dalla giunta prevede un mutuo di 125 milioni con Bei e un altro di 146 con Cdp.

La distribuzione delle risorse

Risorse, è stato sottolineato, finalizzate, specialmente nella parte infrastrutturale, a sostenere lo sviluppo sostenibile e il rilancio economico del territorio. Sul piano tecnico, come è stato illustrato, il finanziamento Bei richiede la presentazione di un progetto complessivo di cui l'Istituto europeo finanzierebbe solo il 50%. Per quel che riguarda il prospetto della distribuzione delle risorse, il mutuo Bei (125 milioni di euro) andrebbe a coprire nel triennio 2019-2021 gli interventi delle Direzioni: ambiente ed energia (11.000.000), lavoro formazione istruzione famiglia (8.660.000), protezione civile (65.000.000), salute e politiche sociali (40.340.000). Per quel che riguarda invece il finanziamento con Cdp, dei complessivi 146 milioni triennali, è previsto il seguente riparto: infrastrutture e territorio (68.050.000), risorse agroalimentari e forestali (9.736.000), ambiente ed energia (600.000), salute e politiche sociali (6.641.850), finanze e patrimonio (1.640.000), cultura e sport (31.425.000), autonomie locali, sicurezza e immigrazione (4.728.000) e attività produttive (23.179.150).

Gli altri interventi 

Infine, tra gli interventi che saranno finanziati: 4 milioni e 500mila euro al comune di Pontebba per lo sviluppo integrato della vallata e il recupero urbanistico delle aree delle caserme dismesse; quasi 12 milioni di euro a Fvg Strade per interventi sulla viabilità; 800mila euro per il recupero urbanistico della caserma Lanfranco di Cividale del Friuli; opere di miglioramento e adeguamento sismico, riqualificazione energetica e manutenzione straordinaria nelle case dello studente per quasi 9 milioni di euro.