24 agosto 2019
Aggiornato 20:30
Trieste

Declassamento di Miramare: la Regione pronta a intervenire direttamente

Il Presidente della Regione, Massimiliano Fedriga: «Pronti a subentrare allo Stato nell'amministrazione del parco e del castello»
Declassamento di Miramare: la Regione pronta a intervenire direttamente
Declassamento di Miramare: la Regione pronta a intervenire direttamente Ufficio Stampa

TRIESTE - La Regione è pronta a scendere in campo per preservare l'autonomia di Miramare, messa in dubbio da un'ipotesi di riforma dei musei in discussione al ministero per i Beni e le Attività Culturali, e lo fa direttamente per voce del suo più alto rappresentante, il governatore Massimiliano Fedriga. Un declassamento che, secondo il governatore, «costituirebbe una seria minaccia per uno dei siti di maggior interesse non solo in Friuli Venezia Giulia ma in Italia e nel mondo, intaccando la capacità di rispondere con la necessaria efficacia ed efficienza alle molte improrogabili esigenze che si accompagnano alla gestione di un bene così prezioso».

«Se il ministro Bonisoli confermasse l'intenzione di revocarne l'autonomia - prosegue Fedriga - la Regione sarebbe pertanto pronta a subentrare allo Stato nell'amministrazione del parco e del castello di Miramare». Presa di posizione forte da parte dell'amministrazione Fvg che, nelle parole del governatore, «non vuole vedersi strappare un pezzo importante del proprio patrimonio culturale e turistico, la cui piena valorizzazione offrirebbe invece respiro non solo al nostro territorio ma all'intero Paese».

Ipotesi che è stata superata nell'arco di qualche ora. «Una buona notizia - commenta Fedriga - che mette così a tacere le preoccupazioni sul futuro di un sito che è patrimonio dell'intera collettività, non solo regionale ma nazionale».