22 ottobre 2019
Aggiornato 20:30
Ambiente

Ferriera: area a caldo, Siderurgica Triestina apre a riconversione

A formalizzarlo, in un documento recapitato all'assessore regionale, Fabio Scoccimarro, è stata la proprièta del sito, il Gruppo Arvedi
Ferriera
Ferriera ANSA

TRIESTE - Siderurgica Triestina apre «ufficialmente» alla discussione per la riconversione dell'area a caldo della Ferriera di Servola. A formalizzarlo, in un documento recapitato all'assessore regionale a Difesa dell'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile, Fabio Scoccimarro, è stata la proprietà del sito, il Gruppo Arvedi. L'obiettivo ora, afferma l'esponente della Giunta Fedriga, «è arrivare alla riconversione di questa parte di impianto entro il 2022 e comunque entro la fine della legislatura. Non bisogna temporeggiare, ma chiudere la partita presto».

Sviluppo logistico per l'area

La riconversione dell'impianto, da tempo al centro delle proteste perché ritenuto causa di inquinamento ambientale, potrebbe prevedere uno sviluppo logistico. Per Scoccimarro si tratta di un «traguardo», ma anche di un «punto di partenza di un nuovo e complesso iter». La soluzione «dovrà tenere conto indubbiamente del diritto d'impresa e salvaguardare i livelli occupazionali affinché nessuna famiglia resti senza reddito».