17 novembre 2019
Aggiornato 03:00
Trieste

Funerali dei due agenti, Fedriga: «Scortati in chiesa dalla nostra gente»

Il governatore Massimiliano Fedriga all'esterno della chiesa: «Vicinanza composta e sensibile, onorato di rappresentare Fvg»
Funerali dei due agenti, Fedriga: «Scortati in chiesa dalla nostra gente»
Funerali dei due agenti, Fedriga: «Scortati in chiesa dalla nostra gente» Regione Friuli Venezia Giulia

TRIESTE - «Mentre il corteo accompagnava le bare in chiesa ho avuto l'impressione che i cittadini di Trieste scortassero Pierluigi e Matteo. Di solito erano loro che tutelavano la sicurezza, stavolta è come se fossero i nostri cittadini a tutelarli». È il pensiero espresso dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, all'esterno della chiesa Sant'Antonio Taumaturgo appena usciti i feretri degli agenti Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, caduti nella sparatoria nella Questura di Trieste lo scorso 4 ottobre.

Fedriga: «Mi onoro di rappresentare questa gente»

Fedriga guidava la sua compagine di Giunta nella messa funebre officiata dal vescovo di Trieste, monsignor Giampaolo Crepaldi. All'interno della chiesa, insieme alle alte cariche dello Stato, i rappresentanti dell'Assemblea regionale e i sindaci dei Comuni Fvg con la fascia tricolore. «Sono orgoglioso di avere l'onore di rappresentare la comunità del Friuli Venezia Giulia», ha detto Fedriga. «Si è vista - ha aggiunto il governatore - una vicinanza composta e sensibile che ha vissuto il dolore insieme alle famiglie e alle forze di polizia. Mi onoro - ha concluso il governatore - di rappresentare gente così».