16 dicembre 2019
Aggiornato 11:00
Ospedale di Cattinara

«Da Lilt Trieste strumento innovativo per chirurgia plastica»

Lo ha dichiarato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, nel corso della cerimonia di donazione, svoltasi all'ospedale di Cattinara
«Da Lilt Trieste strumento innovativo per chirurgia plastica»
«Da Lilt Trieste strumento innovativo per chirurgia plastica» ANSA

TRIESTE - «Ringrazio la Lilt di Trieste per questa donazione perché conferma la grande sensibilità che spinge l'associazione a sostenere le donne colpite da tumore nella loro quotidiana lotta per la riconquista della normalità. Siamo fortunati ad avere realtà capaci di questa dinamicità».

Lo ha dichiarato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, nel corso della cerimonia di donazione, svoltasi all'ospedale di Cattinara, di un micropigmentatore, strumento utilizzato per il tatuaggio dell'areola e capezzolo delle donne sottoposte a ricostruzione della mammella dopo l'intervento per cancro al seno.

Volontariato, serve chiarezza nella distribuzione delle risorse

La cerimonia di donazione è stata l'occasione per il vicegovernatore per evidenziare che «nella distribuzione delle risorse a chi fa volontariato va fatta chiarezza, ottimizzando le priorità, selezionando gli investimenti e rendendoli compatibili con un disegno complessivo affinché si giunga alla massima efficacia».

Porgendo i suoi ringraziamenti ai professionisti della Breast Unit dell'ospedale triestino per l'ottimo lavoro svolto e per la loro competenza riconosciuta a livello nazionale, Riccardi ha ricordato come «le pazienti oncologiche che subiscono un intervento di mastectomia affrontano molteplici sfide non limitate all'intervento in quanto interessano anche l'equilibrio personale. Quando la propria immagine viene modificata e, in alcuni casi, stravolta, l'accettazione della propria identità di donna può essere difficoltosa. Per questo - ha concluso il vicegovernatore - la donazione dello strumento che riceviamo oggi diventa un valido supporto non solo clinico ma anche psicogico alla riconquista della loro integrità».