16 dicembre 2019
Aggiornato 11:30
Infrastrutture

Eusalp, Pizzimenti: «Armonizzare norme per incentivare trasporto modale»

Lo ha affermato a Milano l'assessore a Infrastrutture e Territorio FVG, Graziano Pizzimenti, nell'ambito della riunione dell'assemblea generale della strategia macroregionale Eusalp
Porto di Trieste
Porto di Trieste ANSA

TRIESTE - «Considerare l'area Eusalp, 48 Regioni fra Austria, Francia, Italia, Germania, Slovenia, Liechtenstein e Svizzera, come una piattaforma logistica nel cuore dell'Europa significa garantire un sostegno coordinato per il miglioramento dei servizi di trasporto intermodale di collegamento tra il sistema dei porti mediterranei della Regione Alpina, da Marsiglia fino a Trieste e Capodistria, e il sistema della rete delle infrastrutture intermodali ad esso connesso». Lo ha affermato a Milano l'assessore a Infrastrutture e Territorio del Friuli Venezia Giulia, Graziano Pizzimenti, nell'ambito della riunione dell'assemblea generale della strategia macroregionale Eusalp.

«In un ottica di semplificazione e velocizzazione delle procedure e della tutela delle peculiarità territoriali - ha spiegato Pizzimenti - dobbiamo continuare a impegnarci per individuare azioni condivise per l'armonizzazione del quadro giuridico e normativo di riferimento per l'incentivazione del trasferimento modale. Occorre operare congiuntamente per rendere maggiormente accessibili le aree marginali e quelle periferiche montane. Il potenziamento e l'efficientamento del trasporto intermodale e dei servizi di trasporto ferroviario transfrontalieri - ha sottolineato l'assessore - rappresentano elementi fondamentali per una maggiore coesione e integrazione sostenibile dei territori e per una mobilità più sostenibile delle persone in un'area così articolata e complessa».

Nel corso dell'incontro sono stati illustrati i risultati dell'attività promossa nel corso dell'intero 2019 dalla presidenza annuale di turno affidata all'Italia e incentrata sulle potenzialità dell'economia verde, sul maggior coinvolgimento dei giovani amministratori e dei giovani imprenditori, sulla cultura e conoscenza alpina come collante ed elemento fondante per il sistema socio-economico delle Alpi.

I rappresentanti riunitisi nel capoluogo lombardo, alla presenza della Commissione Europea, del Comitato delle Regioni e della Convenzione delle Alpi, hanno rilanciato la necessità di rendere ancora più forte il proprio impegno a fare in modo che la strategia Eusalp sia maggiormente qualificante in vista del prossimo periodo della politica di coesione europea 2021-27, traducendo lo sforzo della cooperazione comune e delle priorità condivise in progetti concreti e risorse finanziarie ad essi dedicate.

L'evento ha anche segnato il passaggio di testimone della presidenza annuale di Eusair, la strategia per la Regione Adriatico Ionica, alla Francia: il Governo transalpino, assieme alle tre Regioni Auvergne-Rhône-Alpes, Bourgogne-Franche-Comté e Provence -Alpes-Côte d'Azur, con il motto «Together for a greener Alpine Region» intende dare ancora maggior impulso alla transizione ecologica della Regione Alpina al fine di far fronte, in particolare, alla sfida del cambiamento climatico.