3 agosto 2020
Aggiornato 13:00
Sport

«Trofeo Provincia di Trieste promuove l'atletica per tutti»

È quanto affermato dall'assessore alle Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia, Pierpaolo Roberti, intervenendo alle premiazioni della 19. edizione del Trofeo Provincia di Trieste
Un momento della premiazione della 19. edizione del Trofeo Provincia di Trieste
Un momento della premiazione della 19. edizione del Trofeo Provincia di Trieste Regione Friuli Venezia Giulia

TRIESTE - «Trieste e l'atletica hanno un rapporto di grande confidenza, soprattutto per quanto riguarda la corsa su strada e in pista, così come sono sempre più amati cross e trail. A questo proposito, il Trofeo Provincia di Trieste è un catalizzatore eccezionale di praticanti che, prendendo parte alle diverse prove nell'arco dell'anno, hanno modo di avvicinarsi gradualmente a uno sport come la corsa che è alla base di tutto». È quanto affermato dall'assessore alle Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia, Pierpaolo Roberti, intervenendo alle premiazioni della 19. edizione del Trofeo Provincia di Trieste, circuito interamente giuliano che fa capo alla Sport, un pool di società locali guidato dal presidente Ruggero Poli.

Istituito nel 1984 e aperto a maschi e femmine over 23, il Trofeo richiama mediamente 700 iscritti, con circa 450 atleti al via delle diverse prove nel periodo marzo-novembre su distanze che, al momento, variano fra i 3 e i 12 chilometri. «Il beneficio psicofisico arrecato dalla corsa è noto - ha evidenziato Roberti, ricordando che a Trieste operano 23 società di atletica per un totale di quasi 3mila agonisti associati alla Fidal, all'Asi o ad altri enti di promozione sportiva, molti dei quali si ritrovano nella maggior parte delle oltre 40 gare di vario livello organizzate sul territorio - e la Regione è impegnata a sostenere lo sviluppo dell'attività di base al pari dei Grandi Eventi che richiamano partecipanti anche dall'estero».

«Certamente un circuito distribuito su 9 mesi all'anno - ha sottolineato l'assessore - è ideale per stimolare nuovi e più esperti podisti a mantenere uno stato di forma costante. Al Trofeo Trieste auguro sempre maggiori fortune e, a questo proposito, forse - ha concluso Roberti - potrebbe essere utile inserire nel programma anche la 21K di maggio, quella che per molti runner triestini è un punto di arrivo delle loro fatiche».