28 luglio 2021
Aggiornato 17:00
Sicurezza

Polizia locale, Roberti: «Via libera a 11. corso formativo annuale»

Le lezioni saranno tenute da docenti di comprovata esperienza e riguarderanno argomenti concernenti l'attività propria dell'operatore di polizia locale

TRIESTE - Saranno dieci le aree tematiche che caratterizzeranno il programma formativo della Polizia locale del Friuli Venezia Giulia, approvato dall'esecutivo regionale su proposta dell'assessore alla Sicurezza Pierpaolo Roberti. L'attività, giunta quest'anno alla sua 11. edizione, è rivolta al personale in servizio nelle varie sedi comunali. Le lezioni saranno tenute da docenti di comprovata esperienza e riguarderanno argomenti concernenti l'attività propria dell'operatore di polizia locale.

In particolare la formazione tratterà i temi dell'addestramento formale, ordinamento, etica e deontologia, codice della strada, tutela del territorio, polizia amministrativa, armi e strumenti di autotutela, polizia giudiziaria, comunicazione, formazione avanzata e lingue straniere. A sua volta ogni singola area sarà poi articolata su più moduli di diversa durata a seconda della specificità della materia e della presenza o meno di una fase pratica accanto a quella teorica.

Per quanto riguarda, ad esempio, le materie attinenti all'utilizzo delle armi e degli strumenti di autotutela, nel piano è inserito un corso per il rilascio del diploma di idoneità al tiro, dopo aver frequentato un percorso formativo di dieci ore; previsto inoltre un percorso dedicato all'addestramento al tiro per chi già fosse in possesso dell'abilitazione.

Ci sarà poi un modulo dedicato all'apprendimento della tecnica per il corretto uso dello spray al capsicum nonchè nozioni di primo soccorso necessarie in caso di uso improprio di questo strumento e le modalità di assistenza ai soggetti colpiti. Agli agenti inoltre verrà proposto un corso per acquisire o perfezionare le conoscenze di tecniche operative per l'autodifesa ma anche per il mantenimento dell'idoneità all'uso degli strumenti di autotutela.

«Il piano formativo per il 2020 licenziato dalla Giunta - spiega Roberti - è composto da un calendario di attività che fornisce un indirizzo chiaro degli intenti dell'amministrazione regionale in tema di sicurezza. Il nostro obiettivo è infatti quello di incrementare sempre più la professionalizzazione dei corpi di Polizia locale e degli agenti sul nostro territorio, puntando sia all'aggiornamento che alla specializzazione del personale. Attraverso un sempre maggior impegno finanziario e di risorse umane che la nostra amministrazione dedica a questo settore, la scuola regionale fornisce agli operatori gli strumenti più adatti affinchè i cittadini della nostra regione possano sentirsi sempre più sicuri».